Reggie: "Nintendo conosce bene le hack, ma Super Mario Maker non è nato per questo"

Commenta
Condividi su Facebook 3
Condividi su Twitter
Condividi su Telegram

Il mese scorso Reggie Fils-Aime, ex presidente di Nintendo of America, ha partecipato a una presentazione alla Cornell University, in cui i presenti hanno avuto modo di fargli numerose domande sulla sua carriera.

Tra i punti salienti che sono emersi dalle varie domande, Reggie ha affermato di essersi unito a Nintendo dopo aver osservato la situazione difficoltosa durante il periodo del Nintendo GameCube. Oltre a questo, ha condiviso anche altri dettagli oltre a varie considerazioni personali, soprattutto riguardo il suo rapporto con Satoru Iwata.

Durante la presentazione, Reggie ha anche annunciato che un suo nuovo libro è in fase di revisione, in seguito a una prima proposta che era stata respinta.
Altro dettaglio interessante riguarda Super Mario Maker.
Stando a Reggie, infatti, la nascita di questo titolo è dovuta al divertimento di Miyamoto e Tezuka nel creare livelli, e alla volontà di vedere i giocatori mettersi alla prova con lo stesso processo. Nintendo conosce molto bene la popolarità delle rom hack, ha aggiunto Reggie, ma non sono state loro la ragione principale dietro la nascita del gioco.

Parla con la community italiana di Mario

Entra nella chat Discord

Chi è l'autore?

Avatar di AndrewPixel Biografia: Staffer dal 2019. Appassionato di game design, grafica e musica elettronica. Nel tempo libero mi piace giocare, scrivere, stare su Discord, ma soprattutto creare qualsiasi cosa mi passi per la testa.
Giochi preferiti: Super Mario 3D World, Super Mario Maker 2, WarioWare D.I.Y, Super Mario Bros. X, Mario & Luigi: Fratelli nel Tempo, Super Mario World 2: Yoshi's Island, Geometry Dash.
Contatti: Email YouTube Twitter
Notizia

Lascia un commento