Game Boy Color

Da Super Mario Wiki, l'enciclopedia indipendente italiana.
GBCLogo.png
GameBoyColor.png
Data di pubblicazione: Jap 21 ottobre 1998
Usa 18 novembre 1998
Aus 27 novembre 1998
Eur 23 novembre 1998
Termine: 2002/2003
Predecessore: Game Boy
(Virtual Boy)
Successore: Game Boy Advance

Il Game Boy Color è la terza console portatile di Nintendo, successore del Game Boy e in un certo senso controparte del Nintendo 64. La sua principale innovazione è, come dice il nome, la capacità di riprodurre i colori.

Alcuni giochi per il Game Boy originale mostravano dei colori se giocati sul Color, ma la maggior parte no. La sua produzione è continuata fino al 2002 in America e 2003 in Europa.

Come il Game Boy e tutte le console Nintendo, il Game Boy Color ha i tasti Pulsante A, Pulsante B, Pulsante Start e Pulsante Select, più la Croce direzionale.

Caratteristiche tecniche

  • CPU: Z80 8-bit Custom a 8 MHz
  • RAM: 32 kByte
  • ROM: cartucce da 1 Mbit, 2 Mbit, 4 Mbit, 8 Mbit, 16 Mbit, 32 Mbit e 64 Mbit (quest'ultima utilizzata per "Densha De Go! 2", uscito solo in giappone)
  • Video RAM: 16 kByte interna
  • Suono: 4 canali stereo. L'unità ha un solo speaker, ma l'uscita audio per le cuffie è stereo
  • Display: LCD da 160 x 144 pixel
  • Schermo: 44 x 39 mm
  • Colore: 32.768 possibili colori, 56 colori simultanei massimi
  • Comunicazione: fino a 4 Game Boy collegabili via cavo, porta a infrarossi
  • Alimentazione: 2 batterie tipo AA o alimentatore a corrente (venduto separatamente)
  • Dimensioni: Larghezza 75 mm, altezza 133 mm, spessore 27 mm.

Voci correlate