Game Over

Da Super Mario Wiki, l'enciclopedia indipendente italiana.
Box!64.png Questo articolo è un abbozzo, puoi aggiungere informazioni?
Mario Game Over Sticker.gif

Game Over è un termine comunemente usato nella serie di Mario (e nei videogiochi in generale) per indicare che il giocatore ha perso tutte le vite / opportunità in suo possesso. Di solito, in caso di Game Over, per poter proseguire nel gioco, il giocatore è costretto a ripartire dall'ultimo punto di salvataggio. In alcuni giochi, però, soprattutto in quelli appartenenti ad hardware molto vecchi, non è possibile salvare. Questo rende il Game Over ancora più problematico, in quanto il giocatore è costretto così a dover ricominciare l'intero gioco da capo.

Morte e Game Over[modifica]

Attenzione: L'articolo o sezione è in costruzione. Si prega di scusare il suo aspetto informale.

In Super Paper Mario il Game Over è l'equivalente della morte. Secondo i personaggi del gioco, le vite extra rendono la morte un incidente di percorso.

In questo gioco, Dimensio manda Mario e i suoi compagni nel Mondodisu e nel Mondodigiù, due regni dell'Oltretomba dove finiscono tutti coloro che hanno subito il Game Over. Mario, Bowser e Luigi finiscono nel Mondodigiù, l'equivalente dell'Inferno, in cui vivono diversi Ombrex che chiedono al giocatore come è terminata la loro "partita", cioè la loro vita. La Principessa Peach finisce invece nel Mondodisu, l'equivalente del Paradiso.

Sembra che gli Ombrex possano chiedere alle Regina Infernia di perdonare i loro peccati per raggiungere il Mondodisu. La regina può anche punire coloro che si sono comportati male da vivi, con pene proporzionali ai loro peccati, o riportare in vita qualcuno in caso di necessità.

Il Mondodigiù è, come già detto, abitato dagli Ombrex che non hanno ancora chiesto alla regina di essere perdonati e dai D-Moni che lavorano per lei. Il Mondodisu invece è abitato dai Nimbi (ed anche dagli Schelobit che però lo vogliono invadere).