Nintendo GameCube

Da Super Mario Wiki, l'enciclopedia indipendente italiana.
GCNLogo.png Nintendo GameCube
GameCube2.png
Data di pubblicazione: Jap 14 settembre 2001
Usa 18 novembre 2001
Eur 3 maggio 2002
Aus 17 maggio 2002
Termine: Jap 31 agosto 2007
Usa 5 giugno 2008
Predecessore: Nintendo 64
Successore: Wii

Il Nintendo GameCube (noto durante lo sviluppo col nome in codice di Dolphin) è la quarta console casalinga di Nintendo, uscita nel tardo 2001. È la prima console Nintendo a supportare i CD invece delle cartucce. È possibile inserirvi due Memory Card e quattro controller. I suoi CD sono grandi più o meno quanto un disco MP3 e contengono fino a 1.35 GB di memoria.

È stato rilasciato nel 2003 un componente aggiuntivo detto Game Boy Player. Con esso, si potevano inserire nel GameCube delle cartucce del Game Boy Advance e giocare ai suoi giochi nel grande schermo del televisore. Il Game Boy Player si ispirava al Super Game Boy, un componente aggiuntivo molto simile del Super Nintendo.

Accessori[modifica]

Controller[modifica]

Il Controller del Nintendo GameCube era collegato con un cavo alla console. Ne esisteva anche una versione wireless che utilizzava due batterie AA e a cui mancava il meccanismo di vibrazione. Il controller è organizzato in questo modo:

Il Controller del GameCube

Sulla sinistra il Control Stick e la Croce direzionale; al centro il tasto Pulsante START/PAUSA; e sulla destra i tasti Pulsante A, Pulsante B, Pulsante X e Pulsante Y, insieme al Camera stick, un'evoluzione della pulsantiera C del Nintendo 64. Sul dorso del controller ci sono a sinistra Pulsante L e a destra Pulsante R e Pulsante Z.

GameCube Action Pad[modifica]

Il GameCube Action Pad è un tappetino speciale da collegare al GameCube come nella nota serie di Dance Dance Revolution. L'unico gioco di Mario a utilizzarlo è Dancing Stage: Mario Mix. Comprende i tasti A, B, Z, Start, e le frecce direzionali.

GameCube Microphone[modifica]

Il GameCube Microphone è uno speciale microfono da collegare al GameCube per eseguire alcuni videogiochi vocali. La sua particolarità è che va inserito in uno slot della Memory Card, e non in uno del controller. È sfruttato da alcuni minigiochi di Mario Party 6 e Mario Party 7.

DK Bongos[modifica]

I DK Bongos sono un controller molto particolare, che consiste in un paio di bonghi da suonare per manovrare il gioco. Dentro ogni bongo (simile ai Barili di Donkey Kong) c'è un microfono che rileva le percussioni e manda un impulso al gioco. Sono utilizzati nei giochi della serie di Donkey Konga e in Donkey Kong Jungle Beat.

Curiosità[modifica]

  • La musica del titolo del GameCube è in realtà il jingle iniziale del Famicom Disk System rallentato più volte.

Voci correlate[modifica]