Paper Mario: Sticker Star

Da Super Mario Wiki, l'enciclopedia di Mario.
Paper Mario: Sticker Star
PMSSEUboxcover.png
Sviluppatore: Intelligent Systems
Vanpool
Nintendo SPD Group No. 3
Pubblicazione: Nintendo
Genere: Avventura, RPG, Rompicapo
Console: Nintendo 3DS
Modalità: Giocatore singolo
Valutazione:
PEGI3new.svg PEGI: Da tre anni in poi
ESRBE.png ESRB: Per tutti
Dispositivo:
Nintendo 3DS:
3DS Card Icon.png Cartuccia
Controller:
Nintendo 3DS:
Data di pubblicazione: Jap 6 dicembre 2012
Usa 11 novembre 2012
Eur 7 dicembre 2012
Aus 8 dicembre 2012
Topic di discussione
Attenzione: L'articolo o sezione è in costruzione. Si prega di scusare il suo aspetto informale.

Paper Mario: Sticker Star è un gioco di ruolo azione-avventura per Nintendo 3DS sviluppato da Intelligent Systems. Come quarto capitolo della serie di Paper Mario, si tratta del primo ad essere rilasciato su una console portatile. È il successore di Super Paper Mario (2007) e il predecessore di Paper Mario: Color Splash (2016).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Bowser irrompe allo Sticker Fest e tenta di toccare la cometa Sticker per esprimere i propri desideri
La cometa Sticker si alza nel cielo ed esplode, disperdendo frammenti di cometa e sei Sticker reali che atterrano a Decalcopoli e nelle aree circostanti

A Decalcopoli, piccolo borgo del Regno dei Funghi, viene ogni anno organizzato un festival per festeggiare l'arrivo della cometa Sticker. Questa ricorrenza ha il nome di Sticker Fest e affonda le sue radici in una credenza popolare secondo la quale chiunque esprima un desiderio al passaggio della cometa, lo vedrà realizzarsi. Proprio durante l'annuale edizione dello Sticker Fest, Bowser arriva a Decalcopoli e tocca la cometa Sticker, discesa nella zona del borgo adibita a festa. L'astro si alza in cielo ed esplode, dividendosi in vari frammenti e sei Sticker reali. Uno di questi ultimi, una corona dorata, atterra sulla testa di Bowser. Il Re dei Koopa, carico del potere proveniente dalla stessa Sticker Star, libera una scarica di energia e riesce a sconfiggere Mario giunto lì per assistere all'evento. Non avendo più nessun ostacolo, Bowser rapisce la Principessa Peach, presentatrice dello Sticker Fest, e mette a soqquadro Decalcopoli, intrappolando tutti i Toad che vi abitano sotto le macerie. Il giorno seguente, Mario viene svegliato dalla voce di Corinne, una fata Sticker proveniente dalla Sticker Star. Questa inizialmente lo incolpa di aver toccato la cometa, Mario però le spiega la situazione e i due decidono di allearsi per ricomporre la cometa Sticker e recuperare tutti gli Sticker reali. Corinne entra nella compagnia dell'idraulico e così i due cercano un modo di uscire da Decalcopoli. Mario recupera un martello salvando un Toad, e riceve un album per adesivi da Corinne. La piazza della cittadina, tuttavia, è completamente arrotolata e dunque Mario è costretto a salvare tutti i Toad rimasti bloccati perché lo aiutino a srotolare l'area e quindi proseguire. Fatto questo, la piazza viene ripristinata e Mario, assieme a Corinne, si avvia per uscire da Decalcopoli, ma viene bloccato da alcuni Goomba. Questi vengono sconfitti in combattimento (il cui sistema viene introdotto al giocatore da Corinne) e viene così liberata la strada per raggiungere la mappa dei mondi. Indi, Mario e Corinne si recano verso il primo mondo di gioco.

Mondo 1[modifica | modifica wikitesto]

Mario esplora il primo livello del gioco, Pianure soffici

Giunti nelle Pianure soffici, Mario incontra vari Toad intenti a raccogliere gli Sticker. Presto però si imbatte in Bowser Junior intendo a rincorre un Toad in possesso d'un raro Sticker oggetto. Questo stesso adesivo (un paio di forbici) viene impiegato per sconfiggere Bowser Junior che, una volta messo alle strette, usa la cartificazione per scollare un ponte, accartocciarlo e lanciarlo su un'altura dove Mario non può recuperarlo. L'idraulico si fa dunque aiutare da una Risma di Toad, rimette al suo posto il ritaglio del ponte, e prosegue verso la fine del livello. Poco prima di raggiungere il frammento di cometa Sticker, Mario e Corinne vengono interrotti nuovamente dai Goomba già sconfitti a Decalcopoli. Messili nuovamente a tappeto, i due recuperano il frammento e proseguono verso il livello successivo.

Mario arriva così a Bouquet di giardini. In quest'area soffia un forte vento, che viene sprigionato da un ventilatore e, a causa di ciò, la coltivazione di fiori di un Toad sono andate distrutte. Dopo aver risolto la situazione e aver imparato la tecnica del Girasticker, Mario e Corinne recuperano il frammento di cometa e proseguono la loro avventura.

Mario e Kamek presso la Strada lungofiume

Giungono così presso la Strada lungofiume. Qui il Toad già incontrato da Mario nelle Pianure soffici lascia cadere, durante la sua fuga da Kamek, una pagina aggiuntiva per l'album. L'idraulico sconfigge lo stregone braccio destro di Bowser che però cerca di fermare il proseguimento della sua missione staccando il frammento di cometa Sticker e lanciandolo via. Corinne e Mario devono quindi recuperarlo e usare la cartificazione per andare verso il livello seguente. Nel livello è poi presente un altro frammento che conduce in un'area secondaria facoltativa.

Giunti alla Collina Lungolargo, Mario e Corinne trovano sbarrate dalle pale di un mulino la porta che conduce al sotterraneo dell'area, attraverso il quale è possibile raggiungere il frammento di cometa. Usando lo Sticker oggetto ventilatore, ottenuto nei Bouquet di giardini, i due riescono ad entrare nel mulino, ma per scendere nei sotterranei è richiesto l'inserimento di una serie di numeri. Questi infatti gli vengono comunicati da un Toad verde che, dopo essere rimasto bloccato nella zona a destra del mulino, chiede a Mario di riaccompagnarlo a Decalcopoli. Grazie alla combinazione, la compagnia scende nei sotterranei, sconfigge una Nella gigante (ottenendo un Più PV) e recupera il frammento di cometa. Se il giocatore invece sceglie di proseguire per la strada alternativa sbloccata raccogliendo il secondo frammento del livello precedente, Mario giunge sul Monte roboante. Per completare l'area, l'eroe salva un Toad blu e scala la montagna risolvendo una serie di rompicapi ambientali fino a raggiungere e raccogliere la parte di cometa Sticker atterrata nella zona.

Mario e Corinne arrivano così presso la Fortezza Goomba, luogo in cui si trova il primo Sticker reale. Dopo aver superato i punti d'atterraggio delle Bob-ombe e aver risolto una serie di enigmi, i due giungono in cima alla fortezza dove si scontrano con il Goomba megasfavillante. Questo Goomba, aiutato da altri della sua specie, fa uso dello Sticker reale per combattere contro Mario. Una volta messo alle strette, però, viene abbandonato dai suoi alleati e, tentando di continuare da solo, finisce sconfitto. Mario e Corinne recuperano così il primo Sticker reale.

Mondo 2[modifica | modifica wikitesto]

Il livello Sfinge di Yoshi

Mario e Corinne si recano nel Deserto al forno, primo livello del secondo mondo. Dopo aver sbloccato il portale (grazie all'uso della cartificazione e degli Sticker: Salto, Martello, Fungo, Fungo avvelenato, Fiore di fuoco/ghiaccio, Spinelmo) che divide la pianura dal deserto e aver superato la distesa sabbiosa recuperando, in una zona sotterranea, il ritaglio di una tavoletta, i due scalano una piccola piramide e ottengono il frammento di cometa. Proseguono quindi verso la Sfinge di Yoshi. Qui l'idraulico è costretto a sconfiggere le Ali scarlatte e Kamek, che tramuta tutti i suoi Sticker in Sandali. Riesce così a recuperare un secondo ritaglio e il frammento di cometa.

Mario nell'Oasi umida

Nelle Rovine Setaccio, Mario raccoglie la terza tavoletta e conclude la ricerca recuperando la quarta presso l'Oasi umida. Qui la compagnia ferma una tempesta di sabbia e poi ripristina lo scorrere dell'acqua all'interno dell'oasi.

I ritagli raccolti vengono così utilizzati attraverso la cartificazione nel livello Stadio al forno. Viene in questo modo ripristinata un'antica torre che era stata ripiegata, prima della venuta di Mario, da Kamek. In cima a questo edificio è infatti posto Marghibruco poderoso, colui in possesso del secondo Sticker reale. Mario e Corinne lo sconfiggono con una mazza da baseball e recuperano l'adesivo. I due si recano dunque verso il mondo successivo.

Mondo 3[modifica | modifica wikitesto]

Mario e il Torcibruco che dorme sul Sentiero foglioso

Arrivata nel Sentiero foglioso, la compagnia si imbatte in un Torcibruco dormiente. Mario lo sveglia con lo Sticker oggetto tromba e viene a sapere che la foresta è stata contaminata dal veleno. L'idraulico acconsente ad aiutarlo e insieme a Corinne, si avvia verso la Casa di Torcibruco. Presto, però, il Torcibruco viene rapito dal Calamarcio e portato via. I due proseguono da soli e raccolgono il primo frammento di cometa del mondo 3.

Superato anche il Bosconfuso, un intricato labirinto all'interno della foresta, i due arrivano alla Casa di Torcibruco. Scalato l'albero fino in cima, il duo scopre che Kamek ha separato il corpo di Torcibruco in 5 parti: 4 di queste sono scappate, mentre la testa è rimasta bloccata in quel luogo. Mario decide di aiutarlo a tornare come era prima e inizia la ricerca delle parti mancanti.

Insieme a Corinne, dunque, l'idraulico esplora i livelli del mondo 3, raccogliendo i frammenti di cometa e recuperando una ad una tutte le parti del corpo di Torcibruco. Ognuna di queste viene sconfitta in battaglia e ricondotta alla casa sull'albero. Nel mentre accadono eventi di vario genere: cadendo nella Tana Sguscioragno, Mario viene separato da Corinne e perde ciò che possiede (Sticker e martello inclusi); successivamente invece finisce per prendere parte a Sfiuta o sfiata, un gioco a premi che si tiene nella Radura del ceppo.

Giunto alla Spiaggia spumeggiante, Mario recupera l'ultima Parte di Torcibruco, ma questa, vedendo che il veleno che inquina la foresta proviene da un'isola lì vicino, si reca di corsa a Porto lucente. Qui chiede aiuto ad un Toad barcaiolo, ma questi si rifiuta di partire, visto che poco tempo prima una barca si era diretta sull'isola senza fare più ritorno. Ormai delusa, la parte torna alla Casa di Torcibruco dove Mario e Corinne ripristinano il corpo originale di Torcibruco con la cartificazione.

Torcibruco, riavutosi, si precipita alla spiaggia e qui propone a Mario di cavalcarlo fino a raggiungere l'isola. L'idraulico accetta e giunge così nel luogo dove si trova il terzo Sticker reale. Sconfitto il Calamarcio, lo creatura che ha causato l'avvelenamento della foresta, Mario e Corinne recuperano l'adesivo. La foresta torna al suo stato normale e Torcibruco può riniziare a mangiare le foglie delle piante.

Porto lucente[modifica | modifica wikitesto]

La barca del Toad barcaiolo di Porto lucente

Per procedere verso il mondo successivo, Mario deve attraversare il Mar Decalco. A questo proposito, di reca insieme a Corinne a Porto lucente dove i due chiedono aiuto ad un Toad. Questi è disposto a partire con la sua barca, così la compagnia, dopo aver trovato in un magazzino il ritaglio del timone della barca, taglia la corda che tiene ormeggiata l'imbarcazione e inizia a navigare. Prima che i tre escano dal porto, tuttavia, vengono attaccati da un Pesce Smack gigante. Mario lo sconfigge e il Toad, licenziantosi, gli lascia l'imbarcazione. Il gruppo raggiunge così il quarto mondo.

Mondo 4[modifica | modifica wikitesto]

Mario in uno dei corridoi di Maniero Mistero

Mario sbarca sull'Altopiano nevoso e da qui procede oltre il Fiume di ghiaccio fino a raggiungere il Maniero Mistero. Davanti all'abitazione, l'idraulico incontra il Toad che vi abita. Questi, spaventato, afferma che la sua villa è infestata dai Boo e consegna il Libro del sigillo a Mario perché possa intrappolarli al suo interno. Dopo aver fatto quanto richiesto, il proprietario aggiunge di riporre il libro nello scantinato, ma quando Mario vi si reca, Kamek gli viene incontro, prende le pagine del libro e con queste dà vita ad un Boo gigante. Lo stregone rivela di essere stato lui stesso a far fuoriuscire i Boo dal Libro del sigillo mentre era in cerca di un libro sugli Sticker, poi se ne va. Mario sconfigge il Boo gigante e avvisa l'amministratore del suo operato. Il Toad torna nel maniero e regala a Mario il ritratto del precedente proprietario della villa.

Mario e Corinne si dirigono alla Valle sbiancata dove, con la cartificazione, portano in vita il ritratto ricevuto al Maniero Mistero. Salgono dunque sulla funivia e raccolgono il frammento di cometa necessario per accedere al Forte nevoso di Bowser, dove si trova il quarto Sticker reale.

Mario in fila per salire sul carrello da miniera

La compagnia, sfruttando le rotaie per carrelli da miniera dei Tipi Timidi, giunge dinanzi il colossale Bowser di neve. Mario lo sconfigge rivelando il vero possessore dello Sticker reale: Mastro Bufera. Riuscito a vincere anche contro di lui, ottiene l'adesivo che stava cercando e viene a sapere che in realtà Mastro Bufera era un semplice pupazzo di neve che, non volendo sciogliersi con l'arrivo della primavera, aveva cercato di salvarsi, impazzendo per influsso dello Sticker reale. Come sua ultima richiesta, il pupazzo chiede a Mario di ricostruirlo l'anno seguente, così da potersi incontrare nuovamente.

Se Mario fa ritorno al Maniero Mistero, la situazione è cambiata dall'ultima volta che lo ha visitato: il vecchio proprietario si è ristanziato nell'abitazione e il Toad amministratore svolge ora il ruolo di maggiordomo. Facendo invece ritorno a Decalcopoli, Bowser Junior accorre per cercare di fermare l'idraulico. Una volta sconfitto, si ritira da suo padre.

Mondo 5[modifica | modifica wikitesto]

Un Pesce Gnam rincorre Mario che cerca di traversare la Cascata libera.

L'avventura prosegue nel quinto mondo: una giungla su cui torreggia un vulcano. Mario e Corinne iniziano l'esplorazione dalla Giungla timida, così chiama poiché abitata da Tipi Selva che ostacolano la loro avanzata dividendo un ponte in ritagli. Traversano poi la Giungla delle rapide e giungono presso Cascata libera. In questo luogo, i due, a bordo di una zattera, sfuggono alle fauci di un gigantesco Pesce Gnam che li rincorre. Arrivano così alle Rovine Categnaccio dove Mario sveglia e sconfigge un Categnaccio gigante. La compagnia prosegue lungo la Strada accidentata fino a raggiungere il Vulcano tonante.

Mario nel Vulcano tonante.

Una volta giunti alle pendici del vulcano, Mario e Corinne cadono in una voragine e vi rimangono intrappolati all'interno. Proprio in questo momento, fa la sua comparsa Pipino Piranha, detentore del quinto Sticker reale. Corinne viene ingoiata dal mostro, che impedisce così a Mario di usare il Girasticker e la cartificazione. L'idraulico però usa un Categnaccio come contrappeso e si fa sbalzare sul piano in cui si trova Pipino Piranha. Così facendo, Mario riesce a combatterlo e sconfiggerlo, recuperando Corinne e il penultimo Sticker reale.

Mondo 6[modifica | modifica wikitesto]

Mario e Corinne navigano fino alla Scogliera portale, luogo nel quale i cinque Sticker reali iniziano a reagire. Una volta posti sulla formazione rocciosa, diventa possibile girarla con la cartificazione. Da dietro la scogliera appare il Castello di Bowser, che tuttavia vola nel cielo prima che Mario possa raggiungerlo. La compagnia non si dà per vinta e si rivolge a Torcibruco, ora cresciuto e trasformatosi in Fiorfalla. Essendo in debito con Mario e Corinne, questi accetta volentieri e si libra in volo, ma i tre vengono intercettati dalla Flotta navale di Bowser Junior. Mario sale a bordo dell'aeronave e sconfigge Bowser Junior una volta per tutte.

Il Castello volante di Bowser, l'ultimo livello del gioco

A questo punto, l'idraulico può dunque procedere e raggiunge il Castello volante di Bowser. Sconfitto Kamek nell'androne, Mario arriva nella sala in cui Peach è tenuta imprigionata. Bowser, con addosso l'ultimo Sticker reale, cade dal soffitto e attacca l'idraulico. Inizia così una battaglia divisa in cinque parti durante la quale Bowser cerca di fermare Mario chiamando a sé nemici di vario genere, tra cui un Womp e un Categnaccio.

Disfattosi anche quest'ultimo diversivo, Mario attacca Bowser il quale però utilizza il suo Sticker reale per diventare gigantesco. Poiché gli attacchi non sortiscono più alcun effetto contro di lui, Corinne giunge alla conclusione di doversi sacrificare per permettere a Mario di battere definitivamente il nemico. Bowser viene sconfitto, l'idraulico salva Peach e recupera l'ultimo Sticker reale, esprimendo poi il desiderio che tutto torni normale.

[modifica | modifica wikitesto]

Viene nuovamente indetto lo Sticker Fest e la Principessa Peach si congratula con tutti gli abitanti del regno per la buona riuscita dell'impresa di Mario. Ancora una volta, Bowser tenta di toccare la cometa Sticker, ma viene fermato da Corinne, riportata in vita dal desiderio di Mario, che afferma scherzosamente di dover cambiar carriera se ogni anno lo Sticker Fest finisce in questo modo. Il gioco si conclude con Mario che si aggiusta il cappello mentre Peach e Bowser ridono.

Meccaniche di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Mario colpisce un Goomba

Paper Mario: Sticker Star abbandona lo stile a piattaforme del capitolo precedente per riprendere più da vicino le meccaniche dei primi due. Il gioco si presenta come un connubio di elementi d'azione-avventura uniti a tratti da GdR molto meno accentuati di quelli dei giochi summentovati. Tutte le meccaniche principali del gioco si basano sugli Sticker: presenti nel mondo di gioco e utilizzabili per combattere e per risolvere enigmi ambientali. Le battaglie si svolgono a turni, ogni Sticker è monouso e sparisce dopo essere stato selezionato, anche se la battaglia termina prima che questo sortisca effetto. Il giocatore sceglie gli attacchi da sferrare (rappresentati, appunto, sotto forma di Sticker) dallo schermo inferiore, poi esegue il comando azione corrispondente. Non è possibile selezionare manualmente l'obiettivo da attaccare né lo è saltare un turno senza fare nulla. Di conseguenza non è permesso combattere senza adesivi, caso in cui l'unica azione possibile è la fuga. Non fanno ritorno né i compagni né gli oggetti e le tessere, entrambi sostituiti dagli adesivi.

Esistono vari tipi di Sticker, tra cui, i più importanti: quelli oggetto. Questi possono essere ottenuti trasformando in adesivi gli oggetti reali sparsi per il mondo di gioco. Questi possono poi essere sfruttati come potenti attacchi in battaglia o come chiave per risolvere enigmi di vario genere. Alcuni boss del gioco richiedono l'utilizzo di uno di questi Sticker in un momento ben preciso della battaglia.

I PV di Mario possono essere aumentati raccogliendo Più PV: le battaglie infatti non rilasciano esperienza di alcun tipo e non è possibile aumentare di livello. I Più PV, tuttavia, aumentano anche la potenza di Mario che, man mano che li raccoglie, può sconfiggere sempre più nemici deboli eseguendo un attacco prioritario senza entrare in battaglia.

Se Mario entra in battaglia colpendo prima il nemico con il martello o saltandogli sopra, viene riprodotto un effetto sonoro e sullo schermo appare la scritta "BENE!" su sfondo blu. In battaglia il giocatore infligge così un danno preliminare al nemico. Se Mario salta su un nemico con le spine (Punginelle, Koopistrici, Piante Piranha e altri), lo schermo diventa rossiccio e sarà lui a subire danno quando la battaglia comincia. Se invece Mario tocca un nemico senza colpirlo, lo schermo diventa blu senza alcuna scritta e la battaglia inizia normalmente, senza vantaggi da ambo le parti. Se il giocatore sconfigge tutti i nemici in un turno solo, il gioco assegna un bonus che garantisce monete extra alla fine dello scontro. Per facilitare l'ottenimento del bonus, Mario ha a disposizione il Girasticker, una roulette che fornisce più slot d'attacco ad ogni turno in base a quante figure il giocatore riesce ad allineare (nessuna, due o tre). Il Girasticker può essere utilizzato una sola volta per turno, attivarlo è gratuito, ma per facilitare o assicurare la riuscita è necessario pagare (il costo aumenta progressivamente per ogni facilitazione, ma è minore all'inizio delle battaglie contro boss e miniboss). Facendo tris, viene inoltre attivato un effetto speciale secondario corrispondente alle figure allineate (come per il Bingo in Paper Mario: Il Portale Millenario). Per maggiori informazioni si rimanda alla pagina del Girasticker.

Paper Mario: Sticker Star, soprattutto rispetto ai capitoli precedenti, fa della carta tema il centrale su cui sviluppare gli altri aspetti del gioco. Le alterazioni di stato riflettono questa caratteristica: Mario e i nemici possono venire bagnati, graffettati o anche spiegazzati. Pure la grafica riflette questa scelta di design: il mondo sembra essere costruito col cartone, Bowser utilizza del nastro adesivo per attaccare parti dello scenario e i personaggi sono consapevoli di essere di carta tanto che molti dialoghi ci ironizzano sopra. Alcune varietà di nemici sfruttano le proprietà della carta, tra questi ad esempio ci sono: i Bi-Goomba, i Coni Goomba, il Boo gigante (fatto interamente di carta) e così via. Anche la tecnica della cartificazione di Corinne mette in luce questo aspetto. Quando Mario la utilizza, infatti, il mondo diventa piatto come fosse una fotografia, permettendo di incollare Sticker e ritagli per risolvere enigmi in alcuni punti predefiniti della mappa.

I nemici sono visibili nel mondo di gioco, ma alle battaglia se ne uniscono spesso altri e ognuno di questi ha un'animazione personalizzata:

  • I Goomba atterrano nel campo di battaglia;
  • I Koopa si slanciano ritirati nel loro guscio, dal quale poi escono;
  • Le Nelle scendono dall'alto mentre sono ritirate nel guscio;
  • I Koopistrici si comportano come le Nelle, tranne per il fatto che i loro gusci quando chiusi somigliano a delle palle chiodate;
  • Le Bob-ombe planano con i loro paracaduti;
  • Gli Swooper planano verso terra;
  • I Tipi Sombrero corrono, poi lanciano in alto il cappello;
  • I Tartossi si ricompongono a partire da un cumulo di ossa;
  • I Goomba volanti si comportano come i Goomba;
  • I Marghibruchi risalgono dalla sabbia;
  • I Tipi Timidi e gli Snifit corrono talvolta inciampando;
  • Gli Spunzi corrono e poi eseguono uno schianto a terra;
  • I Ninji si rendono visibili non appena inizia la battaglia;
  • Gli Sguscioragni saltellano due volte;
    • Gli Sguscioragni che pendono dal soffitto si lasciano scivolare lungo il filo che tessono.
      La mappa dei mondi

Il mondo di gioco è diviso in livelli numerati, ma i mondi, eccezion fatta per alcuni, possono essere giocati nell'ordine che si preferisce, qualora il giocatore sia in possesso degli Sticker oggetto necessari al proseguimento. Per completare un livello, Mario deve raccogliere il frammento o i frammenti di cometa Sticker contenuti al suo interno. I livelli sono selezionabili posizionando Mario sui segnalini corrispondenti e premendo Pulsante A:

  • Le caselle blu indicano i livelli completati;
  • Le caselle rosse quelli ancora da completare:
  • Le caselle gialle indicano la presenza di un secondo frammento di cometa Sticker;
  • La bandierina rossa con su scritto "S" indica che il giocatore ha salvato uscendo da quel livello;
  • La bandierina gialla con su scritto "S" indica che il giocatore ha salvato all'interno del livello.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Protagonisti[modifica | modifica wikitesto]

Sostenitori[modifica | modifica wikitesto]

Componenti temporanei della compagnia[modifica | modifica wikitesto]

Durante il corso del gioco fanno la loro comparsa vari personaggi che si uniscono solo temporaneamente alla compagnia di Mario. Questi non prendono parte alle battaglie e vengono congedati appena Mario li accompagna a una destinazione predefinita. In tutti i casi, fare ciò è obbligatorio per il proseguimento del gioco. Le Parti di Torcibruco devono essere acciuffate più volte prima che si uniscano a Mario: solo dopo è possibile riaccompagnarle alla Casa di Torcibruco.

Nemici[modifica | modifica wikitesto]

Per approfondire, vedi Bestiario di Paper Mario: Sticker Star.

Ostacoli[modifica | modifica wikitesto]

Boss e miniboss[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del gioco, Mario si imbatte in nemici più forti del normale che devono essere combattuti per poter proseguire nell'avventura. I boss e i miniboss del gioco sono indicati qui di seguito. I boss di fine mondo sono evidenziati di giallo.

40
3
999 (0 quando ribaltata) (vulnerabile agli Sticker oggetto)
90
5
Dimezza i danni subiti (vulnerabile agli Sticker oggetto)
Kamek (2)
20
6
0
300
7
Subisce un quarto dei danni (vulnerabile agli Sticker oggetto)
300
7
Subisce un quarto dei danni (vulnerabile agli Sticker oggetto)
400/100
10
Subisce un quarto dei danni (vulnerabile agli Sticker oggetto)
300
4
Subisce un quarto dei danni (vulnerabile agli Sticker oggetto)
400/500
10
Dimezza i danni subiti (vulnerabile agli Sticker oggetto) / Tutti i danni ridotti ad 1

Luoghi[modifica | modifica wikitesto]

A differenza dei giochi precedenti della serie di Paper Mario, Paper Mario: Sticker Star ha una struttura ha livelli i quali si trovano in diversi mondi. Per accedere in un livello bisogna prima raccogliere un determinato frammento di cometa.

Descrizione dalla pagina Nintendo eShop[modifica | modifica wikitesto]

Disponibile dalle prossime vacanze, questa classica serie action GDR riceve un fresco aspetto in 3D nel suo debutto su console portatile, con Mario che utilizza gli adesivi trovati nel corso del gioco per vincere battaglie e risolvere puzzle.

Descrizione dal sito ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Paper Mario ritorna e questa volta affronta una nuova avventura davvero "appiccicosa"! Questa volta dovrai aiutare Mario a porre rimedio al disastro che Bowser ha provocato usando i fantastici poteri di nuovi adesivi. Il familiare mondo di Paper Mario con il suo cast di colorati personaggi prende vita in Paper Mario: Sticker Star per Nintendo 3DS! Grazie agli straordinari effetti grafici in 3D ti sembrerà di osservare ed esplorare un mondo di diorami in miniatura!

È il giorno dello Sticker Fest nella città di Decalburg e il perfido Bowser ne ha combinata un'altra delle sue! Ha fatto esplodere la Sticker Comet disperdendo sei Royal Stickers in tutto il mondo di gioco e ora tocca a Mario e alla sua aiutante, la fatina Kersti, intraprendere un'avventurosa missione nel tentativo di recuperarli.

Purtroppo gli adesivi mancanti sono appiccicati su Bowser e sui suoi scagnozzi, il che significa che dovrai risolvere un'infinità di rompicapi e combattere innumerevoli battaglie per recuperarli. Mario e Kersti dovranno viaggiare in lungo e in largo percorrendo deserti, praterie, foreste e montagne innevate in cerca degli adesivi perduti!

Gli adesivi sono una parte molto importante di questa divertente avventura perché Mario li userà per attaccare i nemici nelle tradizionali battaglie in stile Paper Mario. Oltre a schiacciare i nemici, ti aiuteranno a risolvere i puzzle che di volta in volta affronterai nel mondo di Paper Mario: posizionati nei posti giusti, sveleranno nuove zone e nuovi modi per avanzare nel gioco. Ne puoi trovare ovunque e più sono vistosi, più sono potenti. Per collezionarli li puoi staccare dalla posizione in cui li trovi nell'ambiente, comprare nei negozi o persino crearne di personalizzati e conservarli nel tuo quaderno per usarli in seguito. Oltre a collezionare adesivi, è anche importante trovare potenziamenti per migliorare le abilità di Mario e completare missioni secondarie per altri personaggi, perché questo aumenta la sua forza e lo prepara alle battaglie. Per la prima volta nella serie non ci sono punti esperienza da collezionare!

Questa deliziosa avventura portatile conquisterà i fan vecchi e nuovi della serie Paper Mario che non vorranno più smettere di esplorare i colorati ambienti in 3D, accumulare montagne di adesivi, sconfiggere nemici e usare gli oggetti collezionati. Il tradizionale sistema di combattimento e azione si fonde con il gameplay basato sugli adesivi mentre avanzi nel gioco schiacciando i personaggi, appiattendo le città e completando le missioni secondarie in questa nuovissima avventura di Paper Mario per Nintendo 3DS!

  • Man mano che avanzi nel gioco troverai adesivi sempre più potenti che potrai usare per aumentare la potenza di attacco di Mario
  • Scopri un'ampia gamma di oggetti come electric fans, forbici e radiators, trasformabili a loro volta in altri adesivi. Usali per risolvere i rompicapi o vincere le battaglie mentre Mario affronta ogni livello
  • Appiattisci il mondo come se fosse di carta! Quindi usa i tuoi adesivi per svelare zone segrete e oggetti nascosti in ogni angolo del gioco.

Differenze con gli altri giochi di Paper Mario[modifica | modifica wikitesto]

  • Essendo la tradizione stata ripresa in Paper Mario: Color Splash, Paper Mario: Sticker Star è il primo e unico titolo della serie in cui il gioco non inizia con una lettera a Casa di Mario.
  • A differenza degli altri Paper Mario in questo gioco non c'è nessun tipo di sistema a punti e non si può salire di livello, ma Mario diventa più forte di poco ogni volta che raccoglie un Più PV, un frammento di cometa o uno Sticker reale
  • Tutti i boss sono solo delle versioni potenziate di nemici del gioco stesso o boss di vecchi giochi di Mario.
  • Kameka viene sostituita completamente da Kamek.
  • Questo è il primo gioco della serie in cui Bowser non parla.
  • Mario non può ottenere né il Super Martello né l'Ultra Martello poiché le funzioni di quei due tipi di Martelli possono essere utilizzate grazie a degli Sticker.
  • Questo è il primo gioco a non essere diviso in capitoli in favore della mappa dei mondi, e anche se così fosse ci sarebbero solo 6 capitoli in contrasto con gli 8 dei giochi precedenti.
  • Questo è il primo gioco della serie in cui non si possono analizzare i nemici.
  • Questo è il primo gioco della serie in cui non compaiono, oggetti da cucinare, né clan di Merlocchio, né il Whacka, né compagni e non compaiono neanche le intersezioni con Peach perché Shigeru Miyamoto non ha voluto inserire nessun personaggio al di fuori di quelli della serie principale, ad eccezione di Corinne.
  • Conseguentemente all'idea di Miyamoto in questo gioco non c'è un boss più potente del boss finale e anche per questo è stata scartata l'idea del Labirinto dei 100 Livelli.
  • È il primo gioco in cui i nemici hanno un aspetto simile a quello avuto nella serie principale.
  • È il primo Paper Mario in cui Mario non può trasformarsi in una versione 8-bit di se stesso.
  • Mario non può scegliere quale nemico attaccare.
  • Non sono presenti gli Oggetti Chiave, che sono stati invece sostituiti dai Ritagli.

Similitudini con gli altri giochi di Paper Mario[modifica | modifica wikitesto]

  • In Paper Mario: Sticker Star, come nel primo Paper Mario, Bowser grazie a un oggetto magico diventa invincibile, è il boss finale, e nella seconda fase diventa gigante e per batterlo c'è bisogno l'aiuto di un personaggio specifico, Twink nel primo gioco e Corinne in Sticker Star.
  • I due personaggi citati prima sembrano delle versioni bambine degli artefatti magici da cercare nei rispettivi giochi e provengono da un luogo che a che fare con le stelle.
  • Proprio come negli altri giochi della serie, il primo capitolo si svolge in una pianura e termina con una lotta contro un boss in una fortezza/castello.
  • Il secondo capitolo invece si svolge in un deserto, come nel primo gioco.
  • Il terzo capitolo è ambientato in una foresta oscura, come in Paper Mario.
  • Come nel primo gioco nel mondo della giungla c'è un vulcano attivo in cui il boss è una Pianta Piranha.
  • Sempre come il primo Paper Mario non esiste una modalità infinita che permette di cimentarsi in un post-game dopo aver completato l'avventura principale (Apparirà però nella piazza di Decalcopoli un Toad Verde il quale permetterà al giocatore di rivedere i titoli di coda). Per questo, il boss finale potrà essere combattuto ancora.
  • Il gioco si conclude con una parata finale guidata da Luigi (se non sitrovano i 5 cameo di Luigi la parata verrà guidata da un Toad); una cosa molto simile accade nel primo gioco della serie.
  • Il modo in cui Corinne viene rapita da Pipino Piranha è molto simile al modo in cui Consilia viene rapita in Super Paper Mario da Ginoleonte.
  • Alla fine di ogni livello di fine mondo sarà presente un breve epilogo, proprio come accadeva anche negli altri giochi della serie.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo di Paper Mario: Sticker Star è iniziato nel 2009. Il gioco in origine doveva far parte della line-up iniziale del Nintendo 3DS. L'idea originale era quella di creare un GDR unico che sfruttasse lo schermo stereoscopico della console, ma dopo l'E3 2010 (durante il quale furono mostrate delle immagini del gioco) Shigeru Miyamoto disse che il gioco era solo un port della versione per il Gamecube.

Chiese allora di apportare delle "grandi modifiche" al gameplay. Per rendere ciò possibile una grande parte del team fu cambiata e soltanto il 10% degli sviluppatori rimasti avevano già lavorato ad un gioco di Paper Mario.

Durante lo sviluppo inoltre, Miyamoto decise anche di incoraggiare il team di sviluppo di rispettare alcune limitazioni, ed è per questo fatto che il gioco ha una storia minima e quasi nessun nuovo personaggio escludendo Corinne.

Elementi beta[modifica | modifica wikitesto]

Per approfondire, vedi Elementi beta di Paper Mario: Sticker Star.

Glitch[modifica | modifica wikitesto]

Per approfondire, vedi Glitch di Paper Mario: Sticker Star.

Staff[modifica | modifica wikitesto]

Per approfondire, vedi Staff di Paper Mario: Sticker Star.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Per approfondire, vedi Galleria:Paper Mario: Sticker Star.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Ogni volta che un nuovo personaggio viene introdotto, il gioco si fermerà per mostrare al giocatore il suo nome, una cosa simile accade anche in Super Smash Bros. Brawl.
  • Il manuale elettronico del software dice che è possibile finire game over cadendo fuori dallo scenario, una cosa del genere però, non può accadere senza l'utilizzo di glitch.
  • Tutti i boss parlano, tranne Bowser che in questo gioco è muto.
  • Non importa il numero di nemici battuti, il numero massimo di monete ottenibili alla fine di un livello non sarà mai superiore a 300.

In altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Lingua Nome Significato
Jap.png Giapponese ペーパーマリオ スーパーシール
pēpāmario sūpāshīru
KorSud.png Coreano 페이퍼 마리오 스티커 스타
peipeo malio seutikeo seuta
Cina.png Cinese 纸片马力欧 超级贴纸 (semplificato)
Zhǐpiàn Mǎlìōu: Chāojí Tiēzhǐ

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]