Super Paper Mario

Da Super Mario Wiki, l'enciclopedia di Mario.
Super Paper Mario
SuperPaperMarioEU.jpg
Sviluppatore: Intelligent Systems
Pubblicazione: Nintendo
Genere: Gioco di ruolo, piattaforme
Console: Wii, Wii U
Modalità: Un giocatore
Valutazione:
PEGI3new.svg PEGI: Da tre anni in poi
ESRBE.png ESRB: Per tutti
Dispositivo:
Wii:
Media CD icon.png Disco ottico
Wii U:
Media DL icon.png Download digitale
Controller:
Wii:
Data di pubblicazione: Rilascio originale
Usa 9 aprile 2007
Jap 19 aprile 2007
Eur 14 settembre 2007
Aus 20 settembre 2007
HongKong 12 luglio 2008
RepCin 12 luglio 2008
KorSud 26 febbraio 2009

Nintendo Selects
Usa 28 agosto 2011
Eur 22 giugno 2012

Wii U (contenuto scaricabile)
Usa 16 luglio 2016
Jap 3 agosto 2016
Eur 11 agosto 2016
Aus 12 agosto 2016
[ Topic di discussione]

Super Paper Mario è un gioco platformer con elementi da GDR disponibile per Wii; è sotto diversi aspetti nella vena principale dei giochi di Mario, ma con l'apparenza estetica della serie di Paper Mario. Il gioco fonde insieme elementi di 2D e 3D, e permette al giocatore di cambiare la dimensione in cui viene esplorato il livello. Come la rivista Nintendo Power dice, questo "è il primo gioco in 5D" della serie.

Originariamente l'uscita del gioco era prevista nel 2006 per GameCube, ma il titolo fu poi spostato sul Wii per dare una spinta alle vendite della console.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Introduzione[modifica | modifica wikitesto]

Il matrimonio

Nell'introduzione vediamo la Principessa Peach che si sveglia e la prima cosa che vede è Bowser in abito da sposo, mentre lei è vestita da sposa (hanno dei vestiti bianchi). Si trovano davanti a un altare, mentre una folla di seguaci di Bowser (Goomba, Koopa, Martelkoopa) li osserva e applaude estasiata al suo re. Un misterioso uomo col mantello sta ufficiando la cerimonia, e costringe Peach a dire "lo voglio" a Bowser. Quando i due sono ufficialmente sposati, dal nulla appare un grande cuore nero, il Cuore Oscuro, e la terra inizia a tremare. Anche Luigi si risveglia in mezzo alla folla festante e non appena capisce cosa sta succedendo decide d'intervenire. Ma è troppo tardi, seguendo la profezia di un libro funesto chiamato Profeticus Tenebrae, l'uomo col mantello usa il Cuore Oscuro per creare una spirale nel cielo, che a poco a poco inghiottirà tutto l'universo, mentre Luigi e i due sposi vengono scagliati via in direzioni diverse.

[modifica | modifica wikitesto]

Nota: Il prologo ha in parte luogo prima dell'introduzione

La storia inizia, come in tutti i giochi della serie, con Mario e Luigi, a casa annoiati. Improvvisamente arriva un Toad che, trafelato, li informa di un nuovo rapimento della Principessa Peach. Ovviamente Mario pensa che anche questa volta il colpevole sia Bowser, così lui e Luigi si recano al castello del loro nemico, ma lo trovano che insieme alla Truppa Koopa, sta progettando proprio di andare a rapire la Principessa. All'improvviso appare l'uomo col mantello, il Conte Cenere che insieme alla sua segretaria Nastasia tiene in ostaggio la Principessa, dichiarando di volerla usare per distruggere l'universo, e che prenderà anche il Re dei Koopa, così con la magia risucchia Peach, Bowser, Luigi e la Truppa Koopa in un'altra dimensione, mentre Mario sviene.

Dopo il matrimonio, Mario viene svegliato da una creatura simile a una farfalla, è il Pixl Consilia, che lo porta alla città intradimensionale di Svoltadilà, e gli presenta il suo maestro Merlocchio. Merlocchio possiede la controparte benevola del Profeticus Tenebrae, chiamata Profeticus Lucis, dove è scritto che la distruzione del mondo potrà essere fermata solo da quattro eroi; e la descrizione di uno di questi è uguale a Mario. Merlocchio quindi incarica Mario di cercare gli otto Cuori Puri, che potranno servire per sconfiggere il Conte. Il mago dà quindi a Mario il primo Cuore Puro e gli dice di trovare la Colonna del Cuore dove incastonarlo e poi tornare. Mario lo fa e ciò fa apparire una porta rossa sul tetto della Torre di Svoltadilà. Mario la raggiunge e Merlocchio gli affida Consilia per aiutarlo. Gli spiega anche che dentro la porta c'è un mondo dove Mario incontrerà Elargisto, un mago che gli insegnerà a svoltare tra le dimensioni, come prevede la profezia. Mario entra nella porta.

Nel frattempo, a Castel Cenere, il castello dove abita il Conte Cenere, il Conte e Nastasia incontrano i loro sottoposti: il manesco Pugnazzo, il misterioso Dimensio e la mutaforma Mimì. Tutti non vedono l'ora che il loro "brutto mondo" venga distrutto, per essere sostituito con un mondo migliore che il Conte ha promesso loro. Nastasia percepisce della variazioni non approvate nel tessuto dimensionale, capisce che Merlocchio ha mandato qualcuno per fermarli. Allora Pugnazzo decide di raggiungere questo qualcuno per fermarlo personalmente. Dimensio lo segue, dichiarando di non volersi perdere lo spettacolo.

Livello 1: Linealandia[modifica | modifica wikitesto]

Mario nella terza dimensione
Si alza il sipario

Mario raggiunge La strada di Linealandia, dove incontra appunto Elargisto, che gli insegna una tecnica che gli permetterà di raggiungere luoghi impensabili. La tecnica è la svolta, che permette a Mario di passare dalle 2 alle 3 dimensioni.

Mario mentre prosegue a Linealandia
A piedi fra i monti

Mario e Consilia, grazie alla nuova abilità, raggiungono Il Monte Linealandia, una grande montagna rocciosa su cui sorge l'Antico Paese. Mario deve parlare con il guardiaponte Rosso per entrare in città. Qui, in un sotterraneo, incontra un altro Pixl, chiamato Manolo, che si unisce alla compagnia e gli permetterà di afferrare oggetti e lanciarli. Il sindaco dell'Antico Paese, Occhiaperti, avvisa Mario e i Pixl che avventurarsi nell'Antico Deserto, dove è nascosto il Cuore Puro, può essere pericoloso. Però gli eroi si avviano comunque all'avventura.

Le sabbie antiche

In questa sezione Mario, Consilia e Manolo attraversano l'antico deserto risolvendo i numerosi enigmi che presenta. Dopo un po' faranno la conoscenza di Pugnazzo, che li sfiderà a lottare ma verrà ovviamente battuto. Pugnazzo allora per la prima volta spiega agli eroi il piano del Conte Cenere: distruggere i mondi per crearne uno migliore, dopodiché se ne va.

Il mostro delle rovine

Mario e Consilia riescono a trovare l'entrata delle rovine e iniziano ad esplorarle. Dopo aver evitato i numerosi Tromp Puntuti che abitano le rovine, trovano l'uscita e tornano nel deserto. Lì trovano ad attenderli un enorme drago robot, Dracker. Dracker, dopo aver scandagliato il suo database, riconosce in Mario l'eroe della profezia e decide di farlo passare. Però spunta Dimensio, che per mettere in difficoltà gli eroi fonde il processore di Dracker, che diventa così cattivo e inizia a lottare contro Mario. Dopo aver battuto il drago, Mario entra nella sala del tesoro, dove incontra lo spirito della saggia Merlumina, un'antenata di Merlocchio, che dopo una lunga conversazione cede a Mario il secondo Cuore Puro.

Intanto, a Castel Cenere, Pugnazzo torna a fare rapporto, disonorato, così il Conte decide di mandare Mimì a fermare l'eroe. Nastasia dice che andrà "a schiacciare la resistenza", ovvero a ipnotizzare i pochi sgherri di Bowser a cui non è stato fatto il lavaggio del cervello.

Poco dopo Peach si risveglia in una delle stanze di Castel Cenere, e incontra due della "resistenza", un Koopa e un Martelkoopa. I tre si mettono a cercare di uscire, ma Nastasia li trova e ipnotizza i due Koopa. Prima di venire ipnotizzata anche lei, la Principessa viene misteriosamente teletrasportata via dal castello.

A Svoltadilà, Mario torna da Merlocchio per parlargli dell'esito della missione, quando sente dire che una ragazza è caduta dal cielo. Mario, Consilia e Merlocchio vanno a vedere e scoprono che la ragazza è proprio Peach, svenuta. Per farla rinvenire, Merlocchio consiglia di recarsi al primo piano di Svoltadilà, dove vive la cuoca Cipollina che può prepararle una Zuppa calda.

Una volta tornata in sesto e messa al corrente della situazione, Peach insiste per unirsi a Mario nella sua avventura. Trovata la Colonna, appare la porta arancione che porta a Valle Crepuscolo, dove la maga Merluna custodisce il terzo Cuore Puro.

Livello 2: Valle Crepuscolo[modifica | modifica wikitesto]

Peach a Valle Crepuscolo
In viaggio verso Merluna

Mario e Peach si mettono in viaggio attraverso Valle Crepuscolo, raggiungendo la Villa di Merluna grazie all'abilità di Peach di usare il suo ombrello per svolazzare e anche a un nuovo Pixl, Bombo.

Trucchi, trappole e tradimenti

Una sezione lineare, dove gli eroi, entrati nella Villa di Merluna, incontrano una ragazza vestita da cameriera (in realtà Mimì) che li indirizza volutamente verso un serie di trappole. Gli eroi, evitando gli Gnip e Gnaw, riescono a giungere alla fine del livello.

Rapina in Banca

Mario, colpendo un Blocco ?, rompe un vaso, e al rumore accorre Mimì che rimane scioccata e dice che il valore di quel vaso era di un milione di Gemme. Non avendo Gemme con sé, Mario dovrà lavorare per Mimì finché non riuscirà a pagare il debito. La nemica lo indirizza quindi in una stanza dove colpire dei blocchi, e a ogni blocco colpito si guadagnerà una gemma. Fortunatamente un altro prigioniero è disposto a cedere il codice per entrare nella stanza VIP (dove le gemme si guadagnano più velocemente) in cambio di 100 Gemme. Nella stanza VIP Mario guadagna altre 10000 gemme, da dare a un altro prigioniero per un altro codice. Questo codice permetterà a Mario di trovare un nuovo Pixl, chiamato Sottilino, e con il suo aiuto raggiungere la cassaforte di Mimì, dove ci sono esattamente 1000000 gemme. Quando Mario presenta il suo guadagno a Mimì, lei si arrabbia e scappa. Con l'aiuto di Sottilino Mario riesce a raggiungere la fine del livello.

La verità in cantina

Mario e Peach giungono nella Cantina di Merluna, dove incontrano una specie di ologramma di Merluna stessa, che li informa di essere intrappolata in cantina e di cercarla, ma di fare attenzione. Dopo un'esplorazione del labirintico sotterraneo, Mario e Peach trovano quella che sembra essere Merluna, ma in realtà è Mimì travestita. La ragazza allora si trasforma in una specie di ragno, la sua vera forma, e inizia a inseguire gli eroi. I protagonisti si rifugiano in un bagno, dove incontrano la vera Merluna, che lì si era nascosta. Mimì entra nel bagno, ancora travestita da Merluna, e sfida il giocatore a un quiz (condotto da Internello) per capire chi è la vera Merluna. Dopo aver indovinato, Mimì si rivela e torna ragno per lottare contro gli eroi, ma viene ovviamente battuta e Merluna consegna il Cuore Puro, dopo aver detto che con Mario e Peach, bisogna trovare ancora due eroi per battere il male.

Quando viene a sapere che anche Mimì è stata sconfitta degli eroi, il Conte Cenere decide di inviare per fermarli il suo sgherro più forte: Dimensio. Dopodiché Nastasia torna a cercare della "resistenza".

Nel frattempo, Luigi si sveglia a Castel Cenere, e incontra due Goomba. Luigi e i Goomba iniziano a cercare un'uscita, ma vengono trovati da Nastasia che ipnotizza un Goomba (l'altro si unisce volontariamente all'esercito di Cenere). Anche Luigi viene catturato.

Usciti da Valle Crepuscolo, Mario, Peach e Consilia incontrano Merlocchio, che li avvisa che il vuoto che inghiottirà tutti i mondi sta diventando più grande. Trovata la Colonna del Cuore, Mario e i suoi amici si avventurano nella porta gialla.

Livello 3: Bittonia[modifica | modifica wikitesto]

Quando i Nerd attaccano

Appena entrati a Bittonia, dal cielo piomba un grosso camaleonte verde chiamato Ginoleonte, che rapisce Consilia e la porta nel suo castello, Forte Gino. Un Pixl di nome Protezio ha assistito alla scena e dice agli eroi la strada per arrivare al Forte (Protezio è un Pixl facoltativo e se lo si vuole prendere bisognerà tornare a Bittonia dopo aver salvato Consilia). Dopo aver attraversato una pianura pixellata e un sotterraneo, Mario e Peach arrivano in una valle piena di torrette mobili da guerra, con a bordo Koopa, Martelkoopa e Cannoni Bill. Dopo aver sconfitto questi nemici i due incontreranno Bowser, che ha deciso di costruirsi un castello a Bittonia dopo essere precipitato lì. Mario lo sfiderà e Bowser, dopo essere stato battuto, affermerà di esseresi trovato a Castel Cenere fino a poco tempo prima, ma di essere stato teletrasportato misteriosamente in quel luogo. Mario e Peach lo convincono a unirsi a loro dicendogli che se il Conte Cenere distruggerà il mondo, poi lui non avrà più niente da conquistare. Così insieme a Bowser gli eroi raggiungono lo Stagno Quadrettato.

Mario a Bittonia
Calamako a dritta!

Giunto allo Stagno Quadrettato, il trio decide di attraversarlo a nuoto, e così entrano in acqua. Dopo aver scovato un nuovo Pixl, Kilo, che insegna loro lo Schianto a Terra, Mario, Peach e Bowser raggiungono un enorme mostro marino, GigaCalamako, che tenta di bloccarli, ma loro riescono a sconfiggerlo.

Su, su, sempre più in albero

Usciti dallo Stagno, gli eroi giungono in vista di Forte Gino, ma per raggiungerlo devono ancora scalare il gigantesco Albero di Pixel. Al suo interno trovano Dimensio, che per lottare decide di andare nella Dimensione D, una dimensione parallela da lui stesso creata che aumenta di 256 volte la forza di chi ci sta dentro. Quello che Dimensio non aveva calcolato è che oltre alla propria forza aumenta anche quella degli eroi, quindi la battaglia nella Dimensione D è una battaglia normale. Giunti sulla cima dell'Albero, gli eroi sfruttano le correnti ascensionali e l'ombrello di Peach per raggiungere finalmente Forte Gino.

La battaglia di Forte Gino

Entrati nel Forte, Mario, Peach e Bowser devono prendere due chiavi per entrare nella camera fotografica di Ginoleonte, dove egli sta fotografando Consilia (da lui rinominata Ginetta) per poi mettere le foto su Internet. Nel castello gli eroi incontrano un nuovo Pixl, Porteo, che può permettere loro di attraversare distese con spine. Con l'aiuto di Porteo gli eroi riescono ad entrare nella stanza, o meglio, entra Peach, perché sono ammesse solo le "ragazze da sballo". Dopo una "conversazione" con Ginoleonte tramite il software estasi.exe, Peach decide di iniziare la lotta. Dopo essere stato battuto, Ginoleonte rende a Mario e compagni Consilia e anche il Cuore Puro.

A Castel Cenere, intanto, Dimensio è tornato a fare rapporto della sua sconfitta e si chiede se gli eroi siano abbastanza forti da annullare la profezia. Il Conte Cenere non si preoccupa e ordina a Nastasia di mandare "lui" a contrastare gli eroi. Quando tutti gli altri sgherri se ne vanno, Nastasia rimane e dice al conte che lui è ancora in tempo per cambiare idea. Il Conte ribatte che ormai è troppo tardi e dice a Nastasia che se vuole lei può andare, ma lei rifiuta, avendo deciso di restare per sempre col Conte.

Quando entrambi se ne vanno, arriva Dimensio, che aveva origliato la conversazione e si chiede a che gioco giochi il Conte. Li lascia comunque stare, dicendo tra sé di avere dei progetti da completare.

A Svoltadilà, Merlocchio dice al trio di sbrigarsi a trovare il quarto eroe e che il Vuoto si sta ingrandendo sempre più. Mario, Peach e Bowser trovano così la Colonna del Cuore e fanno apparire la porta verde.

Livello 4: Spazio Profondo[modifica | modifica wikitesto]

Squirps
Nello spazio profondo

Con il Cuore Puro i nostri eroi possono entrare nella prossima porta, che conduce nientemeno che nello Spazio. Non potendo respirare, sono costretti a tornare indietro e ottenere un casco da uno degli abitanti di Svoltadilà, che lo usava come boccia per il suo pesce.

Una volta tornati nello spazio, con il casco, incontrano una piccola creatura di nome Squirps, che si unisce temporaneamente al gruppo per aiutare Mario e compagni e attaccare i nemici.

Emergenza carta

Dopo aver attraversato una porzione di spazio, Mario e compagnia si fermano sul Pianeta Pallobolo, perché Squirps deve andare in bagno. Riescono a trovare un bagno pubblico, ma è occupato dal Pixl Girondello che vi è rimasto rinchiuso per anni senza carta igienica. Per liberarlo e fare sì che si unisca al gruppo bisogna attraversare il pianeta fino a casa del vecchio Pallopino, che consegna loro un Antico Indizio, da dare al Pixl per pulirsi. Quando Girondello si unisce al gruppo, gli eroi riescono finalmente a lasciare il Pianeta Pallobolo e tornare nello Spazio.

I cancelli dello spazio
Il Negozietto Orbitante

Dopo aver viaggiato ancora un po', il gruppo raggiunge il Confine Estremo dello spazio, ove si trovano i cancelli che conducono alla Zona Proibita, che nasconde il Cuore Puro. Per aprire il cancello, però, serve che Squirps si inserisca in due buchi con la sua forma, e decide di non farlo finché non gli si darà da mangiare. Mario e compagnia, senza il piccolo alieno, devono quindi proseguire nel livello fino al Negozietto Orbitante, un piccolo edificio dove compreranno una Barretta di cioccolato, una Barretta cioccofungo o una Barretta cioccolato extra da dare a Squirps. Dopo averla mangiata, Squirps si sdoppierà momentaneamente per aprire la porta, e il gruppo potrà raggiungere la zona proibita.

Il misterioso Mr. L

Dopo aver attraversato la bizzarra Zona Proibita, Mario e il gruppo arrivano all'area finale, dove li attende l'ultimo degli sgherri di Cenere: Mr. L, dall'aspetto stranamente familiare per Mario. Dopo aver sconfitto il nemico, questi si rialza e sale a bordo di un grande robot: il Frabot. Dopo averlo battuto in una sezione sparatutto, Mario e i suoi amici possono finalmente raggiungere il Cuore Puro.

L'artefatto si trova in una stanza che contiene anche una statua della madre di Squirps: la regina Squirpina XIV. Squirps spiega di essere il principe del decaduto regno di Squirpia e di chiamarsi in realtà Squirp Korogaline Squirpinus; e infine consegna il Cuore Puro agli eroi.

A Castel Cenere, Nastasia presenta Mr. L agli altri sgherri, Pugnazzo, Mimì e Dimensio. Mr. L commenta sarcasticamente le performance dei suoi colleghi, che si mettono a discutere. Dopo che Mr. L se n'è andato il Conte Cenere rivela che è proprio lui l'"uomo in verde" che potrebbe fermare gli eroi, descritto nel Profeticus Tenebrae. Dopodiché manda di nuovo Pugnazzo a fermare gli eroi. Nastasia dubita che gli sgherri potranno fare qualcosa, ma Cenere la zittisce. Nastasia dice tra sé che se non fosse stato per "quella ragazza", le cose sarebbero andate diversamente.

Il Vuoto continua a crescere, tornati a Svoltadilà, Consilia sviene e Merlocchio lascia che gli eroi trovino la strada per la colonna da soli. Con l'aiuto di Girondello, Mario e compagni rivelano la via per Svoltadiqua, la città parallela a Svoltadilà dove vive un lontano parente di Merlocchio, Occhiomerlo. Con il suo aiuto, gli eroi trovano la colonna, vi piazzano il Cuore e tornano a prendere Consilia, pronti per una nuova avventura.

Livello 5: Terra dei Cromagnoidi[modifica | modifica wikitesto]

Centrocittà di Cromagna
Mario fugge da un Mut nella Terra dei Cromagnoidi

Mario e compagni precipitano letteralmente in mezzo al Centrocittà di Cromagna, dove due Cromagnoidi di nome Tufo e Granito li scambiano per inviati del loro dio, il Grande Cro-Magnon, e li portano dal loro capo Quarzo. Quarzo spiega agli eroi che la sua tribù è attaccata dai Floro Sapiens, una specie di fiori senzienti e feroci, che hanno anche rapito dei cittadini, e li prega di aiutarlo. Uscito di casa, Mario incontra due Floro Sapiens, che parlando tra di loro fanno capire che il Cuore Puro è nelle mani del loro sovrano, Re Cardo. Mario e compagni escono dalla città inseguendo alcuni Floro Sapiens che hanno rapito dei Cromagnoidi.

Pixl, tavolette e Cromagnoidi

Dopo aver viaggiato nel Canyon di Cromagna, Mario e compagnia incontrano di nuovo Pugnazzo, che li sfida un'altra volta, stavolta con l'aiuto di Dimensio, che mette a disposizione la Dimensione D. Gli eroi lo battono senza problemi, e Pugnazzo ripete il discorso che aveva fatto a Linealandia sul mettere fine alle sue sofferenze. Dimensio però gli propone di provare una cosa che potrebbe aiutare il Conte e i due se ne vanno.

Gli eroi, proseguendo, trovano tre tavolette di pietra, che permettono loro di risolvere un enigma e liberare un nuovo Pixl: Martolomeo, che permette loro di entrare nelle Caverne Floro, dove i Floro Sapiens si nascondono.

Un Cromagnoide nell'oscurità

Nelle Caverne Floro, Mario e compagni incontrano l'avventuriero Cromagno Jones, che ha perso la sua troupe nella miniera. Mentre lo aiutano a cercarla, scoprono dei Floro Cromagno, ovvero dei Cromagnoidi a cui i Floro Sapiens controllano il cervello tramite dei germogli sulle loro teste. Dopo aver salvato Audiolito e Videolito, Mario, i suoi compagni e la troupe di Cromagno Jones avanzano nelle miniere.

La minaccia di Re Cardo

Dopo essere scesi ulteriormente nelle Caverne, Cromagno e i suoi tirapiedi si separano dagli eroi per cercare lo scoop. Mario e compagni proseguono fino all'entrata del palazzo sotterraneo dei Floro Sapiens, dove possono entrare solo con l'aiuto di un nuovo Pixl: Micronio, che si nascondeva nelle miniere insieme a un Cromagnoide di nome Diaspro. Col potere di Micronio di rimpicciolire le persone, Mario riesce a entrare nel covo di Re Cardo.

Avanzando nel covo dei Floro Sapiens, gli eroi rincontrano Dimensio e Pugnazzo, che li riportano nella Dimensione D. Dimensio ha posto un Germoglio Floro sulla testa di Pugnazzo, rendendolo ancora più stupido. Dopo essere stato battuto, Pugnazzo torna in sé e se ne va lasciando dietro di sé il Germoglio, che viene preso da Mario e gli permette di entrare nelle sale private di Re Cardo.

Dopo aver attraversato un corridoio con i ritratti dei precedenti re dei Floro Sapiens, Mario entra nella sala del trono di Re Cardo. Il re dei Floro Sapiens inizia a combattere con gli eroi, e dopo la sua sconfitta gli altri Floro Sapiens rivelano che l'inimicizia tra i Floro Sapiens e i Cromagnoidi era dovuta al fatto che questi gettavano le loro immondizie nel fiume, inquinando l'acqua che i Floro bevevano. Dopo le scuse, Mario recupera il Cuore Puro e lascia la Terra dei Cromagnoidi.

A Castel Cenere, intanto, Nastasia sta punendo Pugnazzo facendogli cantare mille volte una canzoncina sul Conte Cenere. Mimì appare e dice di voler tornare a combattere, Mr. L ha la stessa richiesta, ma secondo Nastasia il Conte non vuole. Improvvisamente appare anche Dimensio, che spinge indirettamente Mimì e Mr. L a precedere gli eroi con la promessa di una ricompensa da parte del Conte. I due nemici ci cascano ed escono dalla sala. Poi se ne va anche Dimensio.

Dopo che gli eroi hanno usato i loro nuovi Pixl per trovare la Colonna del Cuore, vengono raggiunti da Occhiomerlo, che li avvisa di un passo del Profeticus Lucis in cui è scritto che se gli eroi non vinceranno il Duello dei 100, il Vuoto raggiungerà la massima espansione, inghiottendo finalmente tutti i mondi.

Livello 6: Regno d'Eztate[modifica | modifica wikitesto]

La sfida del Regno d'Eztate

Mario e i suoi compagni arrivano nel Regno d'Eztate, nel cui cielo si staglia un Vuoto molto più grande che a Svoltadilà. Dopo aver attraversato un portone, vengono travolti da un uomo che scappa perché sconfitto dai Tipi Eztivi. Il primo Tipo Eztivo, Calamako di Giada, li sfida a combattere. Dopo che Calamako di Giada viene battuto, sopraggiunge Re Eztivo, il sovrano del Regno, che sfida gli eroi a un torneo: dovranno sconfiggere tutti i 100 Tipi Eztivi in cambio del Cuore Puro custodito nel palazzo reale.

Bowser contro il 15° Tipo Eztivo: "Mano Zudata"

Dopo aver sfidato i primi 20 Tipi Eztivi, compare d'improvviso il Conte Cenere in persona, che afferma che il mondo sta per essere risucchiato. Il Tipone Eztivo appena battuto, Twomp che rotola, si precipita ad avvisare Re Eztivo. Tutti i Tipi Eztivi successivi, a cominciare da Gambero Guerriero e fino a Zunzhine Zplac, lasceranno passare gli eroi senza sfidarli.

La fine di un mondo

Arrivati alla ventiseiesima stanza del Regno d'Eztate, gli eroi vengono accolti da Re Eztivo, che indica loro un forziere contenente a suo dire il Cuore Puro. Gli eroi lo aprono, ma al suo interno c'è una bomba che esplode, fortunatamente non ferendoli. Re Eztivo si rivelerà essere in realtà Mimì, che sfida Mario e compagni in battaglia. Gli eroi la sconfiggono, ma la battaglia era solo un espediente per rallentarli mentre il Vuoto raggiungeva l'ampiezza massima. Mario e compagni attraversano altri cinque portali prima che il Regno d'Eztate venga risucchiato.

Mario, Peach, Bowser e Consilia si ritrovano in cima alla torre di Svoltadilà. La porta del Regno d'Eztate è ancora in piedi, e Consilia suggerisce di tornare dentro a cercare il Cuore. Gli eroi attraversano la porta, che li conduce a una landa completamente bianca e deserta. Consilia avverte l'energia del Cuore Puro, così gli eroi si avviano. Dopo un po', trovano un oggetto di pietra che spunta da terra, che Consilia riconosce come il Cuore. In quel mentre sopraggiunge Mr. L, che prende il Cuore e attacca Mario e compagnia con una versione potenziata del Frabot: il Frabot Mod. L, che ha meno PV ma delle nuove armi tra cui degli arti meccanici. Gli eroi riescono a sconfiggere Frabot e Mr. L, che si dà alla fuga lasciando dietro di sé il Cuore Puro pietrificato. Mario e compagni decidono di prendere lo stesso il Cuore e portarlo a Merlocchio.

Il Regno d'Eztate dopo essere stato risucchiato

Dopo che gli eroi se ne sono andati, Dimensio raggiunge Mr. L, che dice di non potersi più presentare al Conte. Dimensio gli dà ragione e lo rinchiude in una scatola esplosiva che scompare non lasciando traccia di sé o di Mr. L. Dimensio poi sparisce.

A Castel Cenere, Nastasia porta a Cenere il rapporto di Dimensio secondo cui Mr. L e Mimì si sarebbero ammutinati e sono scomparsi. Quando Nastasia se n'è andata, il Conte si chiede se il Pixl che ha visto nel Regno d'Eztate insieme agli eroi possa essere Farfalà, la ragazza che lui aveva amato nella sua gioventù.

Tornati a Svoltadilà, gli eroi mostrano il Cuore a Merlocchio, che non sa proprio cosa fare. Improvvisamente compare Dimensio, che rinchiude Mario, Bowser e Peach in altre scatole esplosive e li fa scomparire.

Mario si risveglia da solo nel Mondodigiù, una specie di inferno dove vanno coloro che hanno raggiunto il Game Over. Qui degli Ombrex gli suggeriscono di andare a parlare con la Regina Infernia per chiarire le cose. Mentre esplora il Mondodigiù, Mario incontra una piccola creatura di nome Farfabì, che vaneggia su un principe azzurro e lo scaccia in malo modo. Dopo aver attraversato il fiume Ztige con l'aiuto del traghettatore Garonte, Mario raggiunge il palazzo di Infernia. La regina lo esamina e scopre il Cuore Puro rovinato del Regno d'Eztate. In quel mentre, Infernia riceve una telefonata da Granbì, che la informa che la piccola Farfabì è sparita. Infernia manda così Mario a cercarla, suggerendogli di cercare sul fondo del fiume Ztige.

Mario scende così nelle acque maledette del fiume, sfuggendo alle Manimorte e penetra in una zona nascosta del Mondodigiù, dove sente dei singhiozzi provenire da dietro una roccia. Si tratta di Luigi, che non ricorda niente dopo l'essere stato catturato dal Conte. Mario gli spiega la situazione e Luigi si unisce così al gruppo. Con la sua abilità di salto, che permette di giungere in luoghi prima inaccessibili, i fratelli riescono a giungere da Farfabì, che capisce di essere ricercata dalla madre e ritorna da lei. Una volta che Mario e Luigi sono tornati da Infernia, lei rende loro il Cuore Puro rinsanato e li riporta nel mondo dei vivi.

Tornati a Svoltadilà, Mario e Luigi ritrovano Consilia e Merlocchio, e si riuniscono a casa di questi per spiegare cosa è successo. Consilia rivela che Peach e Bowser sono ancora dispersi. Dopo aver trovato la Colonna del Cuore, gli eroi possono finalmente entrare nella porta successiva.

Livello 7: Mondodigiù[modifica | modifica wikitesto]

La Fontana della Guarigione all'ingresso del Mondodigiù
Vacanze sotterranee

La settima porta, ironicamente, riporta gli eroi nel Mondodigiù. Tornati da Infernia, le parlano della loro missione di ricercare i Cuori Puri, ma lei li informa che per sapere dove si trova l'ultimo Cuore Puro dovranno andare nel Mondodisu e parlare con Granbì. A quel punto arriva Farfabì, che a sua volta sta per tornare nel Mondodisu. Infernia chiede agli eroi di accompagnarla a casa, accennando a un mostro che si aggira per il Mondodigiù e che potrebbe attaccare la piccola Nimbi se lei va da sola. Gli eroi accettano e Infernia apre loro la porta per la salita al Mondodisu.

Le tre porte sigillate

Arrivati sulla Strada del Mondodigiù, Farfabì si separa dal gruppo e va avanti. Attraversata una porta, il gruppo piomba nel buio più completo, e devono procedere a tentoni seguendo Farfabì.

Dopo un po', incontrano uno strano Portone parlante, chiamato Portone I, che pone loro delle domande trabocchetto; dopo averle risolte, gli eroi possono passare.

Attraversato Portone I, Mario e compagni giungono a un'area illuminata dove si sentono dei passi pesanti provenire da dietro una porta sorvegliata da tre D-Moni. I D-Moni spiegano che finché la bestia non sarà sconfitta loro non potranno aprire la strada per proseguire verso il Mondodisu. Attraversata la porta, si scopre che la bestia non è altri che Bowser, che infuriato per essere stato abbandonato attacca gli eroi. Dopo essere stato battuto, Bowser si unisce di nuovo al gruppo con l'intenzione di cercare Peach, ancora dispersa.

Dopo aver oltrepassato un'altra area della Strada, usando le fiamme di Bowser per illuminare l'ambiente, gli eroi giungono a Portone II, che pone loro degli indovinelli visivi. Dopo averli risolti, gli eroi possono proseguire. Dopo Portone II, Mario e compagnia trovano una porta chiusa e una più piccola e rosa, dentro cui stanno le Tre Arpie del Mondodigiù. Dopo aver accontentato i loro capricci, è possibile proseguire verso il Mondodisu.

Dopo aver percorso un'altra zona, gli eroi giungono al cospetto di Portone III, l'ultimo Portone. Portone III non fa domande, ma aizza contro gli eroi il temibile Catecerbero, che Mario e compagni dovranno battere nell'unica battaglia a turni del gioco, con uno stile che si rifà a molti vecchi RPG, in particolare Mother. Dopo aver sconfitto Catecerbero, Portone III permette agli eroi di proseguire e terminare il livello.

La mela proibita

Finalmente usciti dagli inferi, gli eroi si ritrovano sulle Scale per il Mondodisu, che devono salire per giungere da Granbì.

Peach addormentata sotto l'albero

Dopo molto tempo passato a scalare le nuvole, gli eroi giungono presso un albero sotto cui c'è la Principessa Peach, caduta in un sonno profondissimo, da cui nessuno riesce a svegliarla. Farfabì spiega che la causa del suo sonno è la Mela Dorata, e che per contrastare i suoi effetti occorre una delle altre mele che crescono nel Mondodisu. La mela giusta da darle è la Mela Nera, mentre la Mela Blu la fa temporaneamente rimpicciolire; la Mela Rossa la sveglia per un attimo, ma poi diventa enorme per poi rimpicciolirsi di nuovo e tornare a dormire; la Mela Gialla le fa crescere temporaneamente dei baffi e la Mela Rosa la trasforma temporaneamente in una Pescotta.

Dopo che Peach si è svegliata e unita di nuovo alla compagnia, gli eroi possono partire senza indugi alla volta del Mondodisu. Più tardi incontrano la piccola nuvola Cirus, a cui bisogna dare una Mela Rossa per farla crescere e permetterle di far proseguire gli eroi facendoli rimbalzare su di lei. Gli eroi arrivano così alla fine della scala e all'ingresso del Mondodisu.

Una storia agghiacciante

Mario, Luigi, Peach, Bowser, Consilia e Farfabì trovano il Mondodisu invaso dagli Schelobit, delle creature non-morte armate di lancia, che hanno congelato alcuni Nimbi, e decidono di controllare se Granbì sta bene. Arrivati nel settore 4 del Mondodisu, con l'aiuto di Bowser scongelano Bianbì, uno dei secondi di Granbì, che spiega che per ricostruire il ponte che conduce dal re bisogna trovare i tre saggi Blubì, Rosbì e Gialbì e farsi dare le loro pietre magiche.

Dopo averli trovati tutti e tre, Mario e i suoi amici possono finalmente raggiungere Granbì e vedere cosa gli è successo.

Freddossa

Entrati nel tempio di Granbì, gli eroi incontrano il re in persona, ferito e debole, e il mostro Freddossa, che rivela a Farfabì la verità: il Cuore Puro del Mondodisu è Farfabì stessa, che Infernia e Granbì trasformarono in Nimbi e crebbero come una figlia. Dopo aver sconfitto Freddossa, capo dell'invasione degli Schelobit, gli eroi assistono alla confessione di Granbì ed Infernia alla figlia adottiva. Farfabì litiga con i genitori, ma poi si riappacifica con loro e ritorna alla sua vera forma, per poi venire presa degli eroi.

A Castel Cenere, il Conte è sempre più infastidito dagli eroi e ordina ai suoi scagnozzi di andare a fermarli. Prima di sparire, Dimensio fa capire di conoscere la vera identità del conte. Nastasia tenta di convincere il Conte a fermare la profezia, chiamandolo per la prima volta Lord Blumiere. Il Conte Cenere non è intenzionato a fermare il suo piano e chiama a sé gli eroi della profezia.

A Svoltadilà, Consilia si risveglia dopo un incubo con gli eroi che la guardano preoccupati, ma si rimette subito in sesto e dice di andare da Merlocchio. Il mago afferma che è impossibile fermare la profezia senza distruggere il Conte Cenere, gettando così Consilia nello sconforto.

Dopo aver posizionato l'ultimo Cuore Puro sulla Colonna, appare la porta nera diretta a Castel Cenere, stavolta non sulla torre di Svoltadilà ma su quella di Svoltadiqua. Dopo essere stati incoraggiati da Merlocchio ed Occhiomerlo, gli eroi entrano finalmente nella porta.

Livello 8: Castel Cenere[modifica | modifica wikitesto]

Castel Cenere
L'oscurità avanza

Giunti all'Ingresso di Castel Cenere, gli eroi si incamminano al suo interno.

Il Castello si trova nel mezzo del Vuoto, è un enorme edificio tutto nero gremito di rompicapi e nemici, come Mut, Maledizio, Squig, Kooparmati e altri. Gli eroi arrivano infine all'ultima stanza dell'Ingresso, dove incontrano Pugnazzo.

Il possente nemico inizia a provocare gli eroi, ma presto Bowser emerge sugli altri e decide di tenergli testa da solo. Inizia così la lotta finale tra Bowser e Pugnazzo, che diventa più grosso e potente. Dopo essere stato sconfitto, Pugnazzo inizia le sue solite moine sul Game Over, ma improvvisamente il soffitto inizia a scendere su di lui e sugli eroi. Pugnazzo e Bowser decidono di rimanere nella sala a trattenere il soffitto, mentre Mario, Luigi e Peach vanno avanti. Bowser e Pugnazzo si intimano a vicenda di andarsene, ma poi il terreno trema e lo schermo sfuma senza che succeda niente. Gli eroi rimasti, dall'altro lato della porta, sentono un rumore sordo provenire da dietro quest'ultima, ed esitanti procedono senza Bowser.

La caduta

Gli eroi arrivano quindi nel Foyer di Castel Cenere, e lo attraversano affrontando altri nemici e puzzle. Oltrepassata una porta, incontrano sorprendentemente Merlocchio, che dice loro di colpire un Blocco ! per arrivare direttamente dal Conte Cenere. Gli eroi lo colpiscono, ma sotto di loro si apre una botola e precipitano nelle segrete. Merlocchio si rivelerà essere Mimì, che ancora una volta ha ingannato gli eroi.

Liberatisi dalle segrete e dalle altre trappole, gli eroi giungono a un'altra stanza, dove incontrano stavolta Merluna. La maga fa loro delle domande riguardanti le loro debolezze, simili a quelle fatte da Bowser a Peach nel primo Paper Mario. Gli eroi potranno scegliere cosa incontrare nelle successive tre sale: nella prima tra Goomba, Mazzuolo e Ultrafungo; nella seconda tra Stordino, Martelkoopa e Lampoblitz; e nella terza tra Margherita, Ginoleonte e Malfatto.

Dopo aver superato le tre sale, Mimì inizia a provocare Peach, che decide di affrontarla di persona. Mimì assume la sua vera forma e inizia la lotta. Dopo la sconfitta di Mimì, la principessa si trattiene ad avvertirla di mettersi in salvo, visto che le scosse sono sempre più frequenti e intense. Mario e Luigi, giù usciti dalla porta, sentono un rumore provenire da dove Peach è rimasta, e la porta non si apre più. Dentro la stanza, Peach si sta aggrappando all'orlo di un precipizio, e con l'altra mano tiene Mimì, che altrimenti sarebbe caduta. Le due però scivolano dentro il buco poco dopo. I fratelli Mario devono quindi proseguire da soli.

Conto alla rovescia finale

Il penultimo livello del gioco è l'Interno di Castel Cenere, anch'esso pieno di nemici, trabocchetti e pericoli. Dopo aver attraversato molte stanze, tra cui una con dei misteriosi cloni di Dimensio che viaggiano nelle cornici appese ai muri, i fratelli Mario raggiungono Dimensio in persona, il quale li sfida a un "nascondino magico", per poi sparire dietro una crepa magica.

I fratelli lo seguono e si ritrovano nella Strada di Linealandia, per poi proseguire l'inseguimento nella Villa di Merluna, nello Stagno Quadrettato, sul Pianeta Pallobolo, nel Canyon di Cromagna, nel Regno d'Eztate distrutto e sulla Strada del Mondodigiù. Tornati a Castel Cenere, Dimensio spiega agli eroi di essere deluso dal Conte, che vuole distruggere tutti i mondi, se stesso compreso e non crearne uno migliore. Dimensio rivela agli eroi di averli aiutati fin dal principio: ha trasportato Peach a Svoltadilà, ha mandato Mario nel Mondodigiù per riparare il Cuore Puro e ha permesso ai due fratelli di riunirsi. Dimensio offre ai Mario Bros. di combattere al suo fianco, ma loro rifiutano e il boss decide di affrontare Luigi in battaglia, da solo e senza alcun Pixl. Dopo la sua sconfitta, Dimensio rinchiude sé e Luigi in una delle sue scatole esplosive e la fa esplodere con entrambi dentro.

Mario e Consilia, oltre la porta, sentono l'esplosione ma decidono di proseguire da soli.

Consilia e il Conte Cenere

Mario si ritrova nuovamente solo nel Sancta Sanctorum di Castel Cenere, davanti alla sfida più difficile. Una volta superate diverse sale complicate, si trova finalmente al cospetto del Conte Cenere e di Nastasia.

Dopo che il Conte ha mandato via la sua assistente, attacca Mario col potere del Cuore Oscuro, che lo rende invulnerabile agli attacchi di Mario. Alla fine, il Conte sta per sferrare l'attacco finale che distruggerà tutti i mondi, ma sopraggiungono Bowser (che è caduto in un buco prima che il soffitto lo schiacciasse), Peach (che dopo la caduta è atterrata sopra Bowser) e Luigi (che non sa cosa gli sia successo, ma si è risvegliato accanto agli altri due) in aiuto. I Cuori Puri distruggono la barriera del Conte e inizia la battaglia, che finisce con la sconfitta del Conte.

Il Conte in fin di vita, spiega a Consilia, ovvero la sua amante Farfalà, che lui aveva attivato la profezia per distruggere il mondo dopo che Farfalà era sparita. Blumiere prega gli eroi di finirlo, e Farfalà lo prega di rimanere in vita, ma in quel momento arriva Dimensio, che colpisce Nastasia (la quale si era messa in mezzo per proteggere il Conte) e prende possesso di Luigi (che si rivelerà essere stato Mr. L sotto il controllo di Dimensio) e del Cuore Oscuro, che fonde insieme per creare Super Dimensio.

Super Dimensio

Dimensio quindi spedisce Cenere, un'esanime Nastasia e Consilia nella Dimensione D, promettendo di occuparsi di loro in seguito, e si fonde con Super Dimensio rendendolo invincibile. Super Dimensio si rivela invulnerabile e inizia a distruggere tutti i mondi.

Intanto, nella Dimensione D, Farfalà e Blumiere stanno discutendo sugli eroi e la loro profezia, quando appaiono Pugnazzo e Mimì, che sono giunti lì con l'aiuto di Nastasia. Le speranze di Blumiere e Farfalà, di nuovo riuniti, danno nuova vita ai Cuori Puri, e Farfalà decide di portarli a Mario, restituendogli l'energia e disattivando l'invincibilità di Super Dimensio. Dopo un'intensa lotta, il corpo di Super Dimensio esplode, lasciandogli solo la testa, che però si autodistruggerà. Luigi viene rilasciato senza danno, ma il Cuore Oscuro ha ricevuto l'ultimo grammo di potere di Dimensio ed è pronto a cancellare tutti i mondi. Cenere quindi fa comparire una porta e trasporta tutti nella cappella dove Peach e Bowser si erano sposati all'inizio del gioco. Qui Blumiere e Farfalà si giurano amore e si sposano. I Cuori Puri sono nuovamente forti e riescono a fermare il Cuore Oscuro e a salvare tutti i mondi, anche il Regno d'Eztate torna al suo antico splendore.

Mario, Luigi, Peach, Bowser, i Pixl, Pugnazzo, Mimì e Nastasia si trovano sani e salvi sulla torre di Svoltadilà. Il Vuoto sparisce in un baleno e sopraggiunge Merlocchio che fa le congratulazioni finali. Sono tutti curiosi di sapere cosa sia successo a Farfalà e Blumiere. Merlocchio propone infine una cena festosa al ristorante di Cipollina. Infine, Mario e i suoi amici vengono rimandati nel Regno dei Funghi.

Alla fine dei crediti, si vedono due figure in lontananza, sulla collina, ovviamente Blumiere e Farfalà, in un luogo idilliaco, finalmente riuniti e felici.

Il lieto fine

Durante tutto il gioco, tra un capitolo e l'altro, si hanno brevi intermezzi di solo dialogo sulla vicenda dei due amanti Blumiere e Farfalà. Se si ricomincerà a giocare, Consilia non ci sarà più, ma sarà possibile recarsi a Forte Gino e acquistare da Ginoleonte il Pixl robot Consitron, identico nella funzione a Consilia. Pugnazzo dopo la fine si trova a Svoltadilà, Nastasia a Svoltadiqua e Mimì nella Villa di Merluna.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Giocabili[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario: L'eroe principale del gioco. Ha l'abilità di svoltare tra le dimensioni premendo il tasto Pulsante A. Quando lo fa il mondo diventa in 3D e rivela nemici nascosti, segreti e altro.
  • Peach: La principessa del Regno dei Funghi. In questo gioco può usare il suo parasole come scudo premendo Pulsante giù della croce direzionale, oppure per svolazzare più lontano del normale con Pulsante 2.
  • Bowser: Il Re dei Koopa. Può sputare fuoco premendo Pulsante giù della croce direzionale e la sua potenza d'attacco è doppia rispetto agli altri personaggi; è però più lento e non può arrampicarsi.
  • Luigi: Il fratello di Mario. Per quasi tutto il gioco è ipnotizzato e sotto le spoglie di Mr. L. La sua abilità è eseguire un Supersalto premendo Pulsante giù della croce direzionale.

Di supporto[modifica | modifica wikitesto]

  • Merlocchio: Un potente mago che vive a Svoltadilà. Ha trovato Farfalà in fin di vita e l'ha trasformata in Consilia per salvarla. Passa il tempo a tradurre il Profeticus Lucis e custodisce il primo Cuore Puro.
  • Occhiomerlo: Corrispettivo di Merlocchio che abita a Svoltadiqua. Rispetto al suo parente ha meno ruolo nella trama, ma è comunque mago potente.
  • Cipollina: Cuoca del bistrot "Dolci sorrisi" a Svoltadilà. Può preparare diverse ricette per aiutare Mario e compagni.
  • Cannella: Cuoca del bistrot "Ghigno malefico" a Svoltadiqua. A differenza di Cipollina le servono due ingredienti per preparare le ricette.
  • Komeva: Negoziante di Svoltadilà, gestisce anche il Negozietto Orbitante nello Spazio Profondo.
  • Kozìkozì: Controparte di Komeva a Svoltadiqua, vende oggetti più rari e costosi.
  • Merluna: Misteriosa maga che parla sempre in rima. Vive in una villa a Valle Crepuscolo ma lavora a Svoltadiqua. I suoi incantesimi permettono di ricevere un oggetto a ogni tot di nemici sconfitti. Inoltre è la custode del terzo Cuore Puro.
  • Merlastra: Gemella di Merluna, lavora a Svoltadilà e con la sua chiaroveggenza può aiutare il giocatore a trovare la via se questo si è bloccato.
  • Merlumina: Antenata di Merlocchio e Merluna, vive nelle Antiche Rovine e custodisce il secondo Cuore Puro.
  • Regina Infernia: Regina del Mondodigiù e madre di Farfabì. Governa sugli Ombrex, anime che hanno raggiunto il Game Over.
  • Granbì: Re del Mondodisu e padre di Farfabì.
  • Farfabì: Il Cuore Puro del Mondodisu, trasformato in una Nimbi da Granbì ed Infernia, per proteggerlo dai malintenzionati.
  • Elargisto: Parente di Merlocchio, vive sulla Strada di Linealandia e insegna a Mario a svoltare tra le dimensioni.
  • Occhiaperti: Cugino di Elargisto e sindaco dell'Antico Paese. Tenta di dissuadere Mario dall'andare nell'Antico Deserto, ma senza successo.
  • Squirps: Principe del decaduto Regno di Squirpia. Aiuta Mario durante il suo viaggio nello Spazio Profondo.

Pixl[modifica | modifica wikitesto]

I Pixl sostituiscono i compagni dei prequel. Qui sotto i Pixl vengono elencati per ordine di sblocco:

  • Consilia: Ex amante del Conte Cenere. Il suo potere è descrivere i nemici, esplicandone statistiche, attacchi e punti deboli.
  • Manolo: Con il suo potere può afferrare oggetti e nemici e scagliarli lontano.
  • Bombo: Può essere posizionato a terra ed esplodere, distruggendo così nemici o muri fragili.
  • Sottilino: Permette all'eroe di appiattirsi e di passare per delle fessure sottili.
  • Kilo: Permette di eseguire degli schianti a terra.
  • Porteo: Il suo potere permette di volare sopra spine e ostacoli simili, e di saltare sui nemici spinati.
  • Girondello: Può far girare porzioni di spazio, rivelando passaggi nascosti.
  • Martolomeo: Permette di attaccare con un potente martello.
  • Micronio: Può rimpicciolire l'eroe permettendogli di passare in piccole entrate.
  • Protezio: Pixl opzionale, può creare una barriera intorno all'eroe che contrattacca i nemici.
  • Scatty: Pixl opzionale, permette di correre più velocemente del normale.
  • Doremì: Pixl opzionale, può curare le maledizioni di nemici come il Maledizio.
  • Consitron: Pixl opzionale, sostituto di Consilia dopo la fine del gioco.

Nemici[modifica | modifica wikitesto]

Qui sono elencati tutti i nemici apparsi nel gioco ordinati nei mondi in cui fanno la loro prima apparizione

Linealandia[modifica | modifica wikitesto]

Valle Crepuscolo[modifica | modifica wikitesto]

Bittonia[modifica | modifica wikitesto]

Spazio Profondo[modifica | modifica wikitesto]

Terra dei Cromagnoidi[modifica | modifica wikitesto]

Regno d'Eztate[modifica | modifica wikitesto]

Mondodigiù[modifica | modifica wikitesto]

Castel Cenere[modifica | modifica wikitesto]

Boss[modifica | modifica wikitesto]

  • Pugnazzo: Uno dei tirapiedi del Conte Cenere. Parla con un accento romanesco e ama usare i suoi potenti pugni. Lo si lotta ben 4 volte nel corso del gioco.
  • Dracker: Un drago robot costruito dagli Antichi per proteggere il Cuore Puro delle Antiche Rovine. Attacca gli eroi dopo essere stato mandato in tilt da Dimensio.
  • Mimì: Una degli sgherri di Cenere. Una piccola ragazzina col potere di cambiare forma. La si lotta 3 volte.
  • Mega Koopa: Un Koopa sotto gli effetti della Giga Stella. Lo si può sconfiggere prendendone a propria volta una.
  • Bowser: Il Re dei Koopa. Va combattuto prima che si unisca al gruppo e poi ancora nel Mondodigiù.
  • GigaCalamako: Un enorme mollusco che vive nello Stagno Quadrettato. Possiede dieci pericolosissimi tentacoli.
  • Dimensio: Il più misterioso degli sgherri del Conte. In realtà ha sempre tramato alle sue spalle. Lo si lotta 2 volte più una come Super Dimensio.
  • Ginoleonte: Un grosso camaleonte che incarna lo stereotipo del nerd. Bisogna sconfiggerlo per salvare Consilia, da lui rapita e rinominata Ginetta. Opzionalmente lo si può sfidare una seconda volta a Castel Cenere, se lo si indica a Mimì camuffata da Merluna come una cosa che si teme.
  • Mr. L: Luigi sottoposto al lavaggio del cervello e quarto tirapiedi del Conte Cenere. La prima volta che lo si combatte usa il robot Frabot, la seconda il Frabot Mod. L.
  • Re Cardo IV: Il re dei Floro Sapiens. Ce l'ha a morte con i Cromagnoidi perché inquinano l'acqua del fiume di Cromagna.
  • Catecerbero: Un Categnaccio a tre teste guardiano del Mondodigiù. Lo si deve battere per poter uscire dagli inferi. La sua battaglia, a differenza delle altre, è a turni.
  • Freddossa: Nimbi decaduto, capeggia una rivolta di Schelobit nel Mondodisu. Bisogna sconfiggerla per proteggere Granbì.
  • Conte Cenere: Un essere solo e disperato per la perdita dell'amata Lady Farfalà. Trama di distruggere tutti i mondi con un'antica profezia. Il suo vero nome è Lord Blumiere.
  • Super Dimensio: Un essere potentissimo creato dalla fusione di Luigi, Dimensio e il Cuore Oscuro. Supera il Conte in malvagità e vuole distruggere l'universo per crearne uno migliore.
  • Wracker: Boss opzionale. Replica di Dracker, più potente e bianca. Si incontra all'ultima stanza del Labirinto dei 100 Livelli di Svoltadilà.
  • Ombroso: Boss opzionale. Una creatura misteriosa e oscura, creata dagli Antichi e relegata nel Labirinto dei 100 Livelli di Svoltadiqua. Lo si può affrontare solo la seconda volta che si attraversa il labirinto. Può cambiare forma, ma rimane sempre di un inquietante colore nero.
  • Tipi Eztivi: I 100 soldati del Regno d'Eztate. Vanno sconfitti tutti di seguito nel cosiddetto Duello dei 100 per ottenere delle carte rarissime. Ognuno ha un nome, personalità e caratteristiche diverse.

Strumenti[modifica | modifica wikitesto]

Strumenti d'attacco
  • Blocco POW: Infligge 2 danni ai nemici su pavimenti e soffitti.
  • Cosciotto: Raddoppia temporaneamente l'attacco.
  • Fanta Fungo: Evoca un Fungo fantasma che striscia lungo le pareti e danneggia i nemici.
  • Fiammata: Attacca i nemici con fiamme potenti.
  • Fungo Volta: Paralizza i nemici che il giocatore tocca.
  • Gelatina: Attacca i nemici col ghiaccio e li congela.
  • Guscio: Travolge tutti i nemici che incontra.
  • Lampoblitz: Attacca i nemici con scariche elettriche e infligge loro 5 danni.
  • Rossopica: Raddoppia temporaneamente l'attacco.
  • Stella cadente: Attacca i nemici con una pioggia di stelle e infligge loro 6 danni.
  • Tonico +: Raddoppia temporaneamente l'attacco.
Strumenti dannosi
  • Fungo tossico: Avvelena il giocatore
  • Ciocomaschera: Infligge la maledizione che blocca le abilità speciali.
  • Delizia pericolosa: Infligge al giocatore tutte le Maledizioni possibili, ovvero: blocca le abilità speciali dei personaggi, riduce di molto i loro salti, inverte i controlli e rallenta i loro movimenti.
Strumenti difensivi
Strumenti di recupero

Ci sono poi molti altri strumenti che si possono ottenere facendo cucinare a Cipollina e Cannella uno o due degli ingredienti sopra riportati. La loro lista è qui

Altri strumenti

Riferimenti da giochi passati[modifica | modifica wikitesto]

Altri riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel palazzo di Re Cardo, si può vedere che la regina precedente Cardina II scrisse un libro sulla storia dei Floro Sapiens intitolato Florimarillion. Il titolo è un riferimento al Silmarillion, libro del 1977 in cui J.R.R. Tolkien racconta la mitologia della Terra di Mezzo.
  • Il Mondodigiù è profondamente ispirato all'Ade della mitologia greco-romana: è presente un fiume chiamato Ztige (parodia dello Stige) con un traghettatore di nome Garonte (riferimento a Caronte). Altri elementi in comune sono le Tre Arpie del Mondodigiù, riferimento alle Moire (o Parche) e il Categnaccio Catecerbero, al posto del cane infernale Cerbero. Al contrario, il Mondodisu è più basato sul Paradiso cristiano che sui Campi elisi greco-romani.
  • Uno dei programmi di cui vanno matte le Tre Arpie si chiama La Strega in Giallo, in riferimento alla serie televisiva La signora in giallo.
  • Portone I nella Strada del Mondodigiù, pone un indovinello in cui compaiono i numeri 667 e 108. 667 è vicino al 666, Numero della Bestia nella tradizione cristiana; mentre 108 è un numero simbolico per il buddismo in quanto indica il numero di tentazioni che ogni uomo deve sconfiggere per raggiungere il Nirvana.
  • La battaglia contro Catecerbero è un riferimento al gioco di ruolo Nintendo Mother.
  • Le Gemme che servono agli eroi per riparare il vaso di Mimì nel secondo livello somigliano molto alle Rupie della serie The Legend of Zelda.
  • Gli indovinelli di Portone II somigliano a un tipo di sfide apparse nel titolo DS Brain Training. Dopo averli superati il portone osserva che gli eroi hanno "un cervello ben allenato". Il gioco è menzionato anche tramite l'Allenamente, una specie di Nintendo DS che gli eroi devono portare a Merluna per ottenere il Pixl Doremì.
  • Il Cromagnoide Cromagno Jones è una parodia del personaggio di Indiana Jones, un archeologo avventuriero protagonista di una serie di film diretti da Steven Spielberg.
  • Quando Dracker esamina il suo database per trovare dati su Mario, sui suoi occhi appare l'icona di caricamento del Wii Shop.

Elementi beta[modifica | modifica wikitesto]

Per una lista di elementi beta, vedi Elementi beta di Super Paper Mario

Staff[modifica | modifica wikitesto]

Per approfondire, vedi Staff di Super Paper Mario.

Dialoghi[modifica | modifica wikitesto]

Per approfondire, vedi Dialoghi di Super Paper Mario.

Glitch[modifica | modifica wikitesto]

Per approfondire, vedi Glitch di Super Paper Mario.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Per approfondire, vedi Galleria:Super Paper Mario.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • In un'intervista del 2007, Seth Gordon, regista del film The King of Kong: A Fistful of Quarters, ha espresso il desiderio di creare un adattamento cinematografico di Super Paper Mario. La sua idea si basava principalmente sullo scambiare le due con le tre dimensioni, grazie soprattutto con le nuove tecnologie tridimensionali e la loro popolarità sempre più crescente nel mondo della cinematografia. Tuttavia Gordon ha detto che, anche se The King of Kong è stato proiettato per Nintendo, egli non è riuscito in alcun modo a parlare con Nintendo della sua idea.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]