Un imbroglio per papà

Da Super Mario Wiki, l'enciclopedia di Mario.
Un imbroglio per papà
Serie: Seconda
Nome originale: Never Koop a Koopa
Scrittore: Martha Moran
<< Lista episodi >>

Un imbroglio per papà è il sesto episodio de Le avventure di Super Mario, la seconda serie animata di Super Mario. È andato in onda insieme a "Il Regno dei Funghi".

Riassunto[modifica | modifica wikitesto]

Mario, Luigi, Ughetto e la Principessa Amarena stanno tranquillamente pranzando, quando a sorpresa si presenta Re Attila insieme a tutti i suoi figli sventolando bandiera bianca. Una volta arrivato lì Attila si inginocchia dinanzi alla Principessa dichiarandosi inferiore a lei, annunciando di voler abbandonare il Regno dei Funghi. Aggiungendo che si sente in colpa per tutto quello che ha fatto loro, le dona la chiave del suo castello per poi materializzare un tubo di collegamento per andarsene. La Principessa decide di ristrutturare il castello degli Attila per farne una casa di riposo per funghi anziani, ma Luigi crede si tratti di una trappola. La Principessa insiste nel voler visitare il castello per valutarne le condizioni, e Mario la accompagna.

Una volta arrivati al castello, una volta aperta la porta Mario e la Principessa vengono accolti da uno scheletro di Koopa che cade dal soffitto. Dopo lo spavento iniziale, Mario si fa avanti per esplorare il castello. Passando lungo un corridoio con i ritratti di Attila e i suoi figli, Mario rimane brevemente sconvolto quando vede il ritratto di Attila muovere gli occhi. Mentre la Principessa afferma di voler rimuovere il ritratto il prima possibile, il portone del castello si chiude di botto e una Faccia di Pietra avverte Mario e la Principessa di essere caduti in trappola. I due scansano quella e altre Facce di Pietra, ma in fondo al corridoio si ritrovano due Sparamine, i cui proiettili vengono rispediti al mittente da Mario con un colpo di sturalavandini. Nonostante gli incidenti, la Principessa è ancora convinta del voler usare il castello come casa di riposo, convinta che la presenza delle varie creature possa rendere meno monotone le giornate degli occupanti.

Dopo essersi persi per i corridoi del castello, Mario e la Principessa cadono in una botola e finiscono in una cella della prigione, fuori dalla quale ci sono Re Attila e Cippy. Attila sta facendo tutto questo per insegnare al figlio come mentire e imbrogliare, ma questo è distratto dalla musica e non lo ascolta. Tolte le cuffie a Cippy, Re Attila procede a ricattare la Principessa costringendola a firmare un contratto per lasciare a lui il regno, ma lei si rifiuta. Allora Attila inizia a riempire di Bob-omba la loro cella: se la Principessa non firma, esploderanno.

Nel frattempo Luigi e Ughetto si stanno rilassando su una barca nel mare sottostante al castello di Attila, chiedendosi come mai Mario e la Principessa ci mettano così tanto. Luigi decide di entrare nel castello passando dallo scarico, per quanto Ughetto non sia molto convinto. Andando sott'acqua i due passano tranquillamente tra vari Calamaki, ma solo Ughetto nota che un Boss Bass li sta inseguendo e cerca disperatamente di farlo notare a Luigi mentre apre il tubo di scarico: solo all'ultimo i due riescono a salvarsi, in quanto il Boss Bass è troppo grande per entrare nel tubo. Intanto la cella di Mario e della Principessa è strapiena di Bob-omba, mentre Re Attila spiega a Cippy il concetto di doppio gioco, cosa che pare interessarlo molto. Luigi e Ughetto sbucano fuori da un tombino vicino a due Fratelli Martello: la reazione iniziale di Luigi nel vederli ("Che brutti!") finisce per provocarli, portandoli a un breve inseguimento alla fine del quale Luigi e Ughetto vengono sbattuti in cella con Mario, mentre la Principessa Amarena viene fatta uscire, e Re Attila le dice che se non firma il contratto esploderanno tutti e tre. La Principessa accetta, a patto che la cosa venga fatta nella sala del trono con servizio fotografico dell'avvenimento, chiedendo quindi ad Attila di mettere qualcosa di decente per l'evento. La Principessa viene lasciata quindi nelle mani di Cippy, che ha intenzione di soppiantare il padre oggi stesso mettendo a frutto le lezioni sull'imbroglio appena ricevute.

Cippy decide che si devono spostare tutti nella sua stanza, con Mario, Luigi e Ughetto chiusi dentro l'armadio incatenato, e chiede alla Principessa di firmare un altro contratto per lasciare il regno a lui per non far tornare gli altri nella cella con i Bob-omba. Lei firma e Cippy lascia la stanza tutto contento, dopodiché richiama l'attenzione dei Fratelli Martello rompendo una lampada e, scansando i loro martelli, libera Mario, Luigi e Ughetto dall'armadio. I quattro escono dalla stanza schivando i Fratelli Martello, per poi trovarsi incontro a due Fiammorchi, che riescono presto a buttare fuori da una finestra in fondo al corridoio. Ughetto fa notare che se sapessero volare potrebbero tranquillamente scappare dalla finestra, così Mario inizia a sfondare il soffitto alla ricerca di una Super foglia.

Nella sala del trono Re Attila ha preparato tutto per la firma del contratto: indossa il mantello e quattro Goomba sono pronti a fotografare l'evento, quando Cippy arriva e si siede sul trono dichiarandosi nuovo sovrano del Regno dei Funghi, mostrando il contratto a papà mentre si prende la sua corona e afferma di volerlo declassare a pulitore di stalle. Attila si riprende la corona e mostra al figlio che la Principessa non ha firmato il contratto ma ha invece disegnato la faccia di un clown su di esso, e afferma che adesso la Principessa firmerà per davvero il suo contratto. Quando Attila chiede a Cippy dove sono i prigionieri, dalle loro spalle sentono la voce di Mario: fuori dalla finestra ci sono lui, Luigi, la Principessa Amarena e Ughetto, tutti in forma di procione, che volano via dal castello. Attila se la prende con Cippy per essersi preso gioco di lui, e il figlio gli risponde che in fondo stava solo mettendo in pratica le sue lezioni: Attila inizia quindi a inseguire il figlio intorno al trono, per dargli un'ultima "lezione".

Errori[modifica | modifica wikitesto]

  • Quando Cippy si siede sul trono, il suo muso cambia colore a intermittenza.
  • All'inizio dell'episodio, mentre Mario e compagni mangiano, Mario sembra risucchiare gli spaghetti con i baffi.
  • Quando Re Attila irride la Principessa da dietro la porta della cella, lei ha il vestito azzurro.
  • Quando Re Attila si inginocchia alla Principessa, Cucci Pucci ha il viso tutto marrone.

In altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Lingua Nome Significato
Uk.png Inglese Never Koop a Koopa Mai imbrogliare un Koopa
France.png Francese L'apprenti escroc L'apprendista bandito
De.png Tedesco Spukschloss Castello infestato
Spa.png Spagnolo Nunca koopaconfies en un Koopa (Spagnolo Americano/Spagnolo Europeo, secondo doppiaggio)
Nunca koopajugueis con una Koopa (Spagnolo Europeo, primo doppiaggio)
Mai Koopafidarti di un Koopa
Mai Koopagiocare con un Koopa
Du.png Olandese Bedonder nooit een Koopa Mai imbrogliare un Koopa
Pt.png Portoghese Nunca Traia o Rei Koopa (primo doppiaggio)
Jamais Confie em um Koopa (secondo doppiaggio)
Mai tradire Re Attila
Mai fidarsi di un Koopa
Ro.png Rumeno Să nu Koopii un Koopa Mai imbrogliare un Koopa
Hun.png Ungherese Koopa-kelepce Koopa-trappola

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Quando Re Attila alla fine dell'episodio indossa il mantello, assomiglia particolarmente a King K. Rool.
  • Nella scena all'inizio dell'episodio, Mario, Luigi e la Principessa hanno dei bicchieri di vino a tavola: è l'unica apparizione di alcolici in tutta la serie.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]