Clicca qui per effettuare il login. Sei nuovo? Crea un nuovo account!
Non hai un account? Clicca qui per iscriverti!
Mushroom Kingdom Nintendo Kingdom Outer Kingdom La Taverna dell'Off-Topic Discussioni sul MC
Immagine
Sviluppato da: Hörberg Productions
Data di uscita: 29 gennaio 2015
Piattaforma: Nintendo 3DS (eShop)
Website: gunmanclive.com/2/
Prezzo: 2,99 €

Nel caso lo abbiate già giocato, è probabile che siate stati colti da una certa perplessità nel constatare che il primo Gunman Clive altro non è che un clone dei classici Mega Man dell'era 8-bit (con un po' di Contra sparso qua e là). Un plagio lo definirebbe qualcuno, un tributo qualcun altro, ma in ogni caso è innegabile che di originale (a livello ludico, almeno) abbia ben poco da offrire.

Questo preambolo, però, non è stato scritto per screditare un gioco che in realtà si pone qualitativamente sopra la media (se copia, almeno copia molto bene), bensì per permettervi di capire quanto questo sequel sia migliore al confronto.
Gunman Clive 2, infatti, fa di tutto per non scadere nel mero e deprimente citazionismo retrò che tanto ha afflitto un'innumerevole quantità di produzioni indie risalenti agli ultimi anni, compreso il predecessore del titolo preso oggi in esame che non solo prendeva spunto dalla formula introdotta col primo Mega Man per delineare un profilo alle meccaniche poste alla base del suo modello ludico, ma che si spingeva oltre i limiti del pudore arrivando persino a disegnare livelli capaci di dare uno spiacevole ed insistente senso di déjà vu ad ogni esperto del genere platform.

Insomma, se l'originale, nonostante la sua bontà, è perfettamente ignorabile da ogni buon "saltatore professionista" (dato che quel titolo non ha nulla di nuovo da proporre a quella fetta di pubblico), questo secondo esponente di quella che sta per diventare una serie si dimostra invece essere un gioco di piattaforme ben più memorabile.

Ciò è totalmente dovuto al fatto che riusciamo finalmente ad apprezzare l'inventiva che affolla la mente di Bertil Hörberg, il tutto-fare dietro allo sviluppo di questo prodotto. Questo talentuoso game designer svedese, infatti, è riuscito a confezionare 25 livelli (comprendendo le sorprendenti boss-battle improntate all'azione) che non si limitano ad introdurre nuovi ORIGINALI gimmick in maniera graduale, ma che arrivano addirittura a combinarli tra loro in modo da dare forma a sezioni particolarmente interessanti ed adrenaliniche per il giocatore. Il level design resta su standard da fuori classe, ma questa volta ci permette di essere intrattenuti da elementi caratterizzati da un certo senso di inedicità: a questo giro le vecchie glorie videoludiche si limitano ad influenzare solo le meccaniche di base e non i livelli costruiti attorno ad esse che rimangono il meno contaminati possibili dalla nostalgia.

Anche la struttura della naturale progressione del giocatore, però, viene condizionata (positivamente, stavolta) dai classici, tant'è che si contraddistingue per la presenza di una curva d'apprendimento ben difficile da riscontrare nelle produzioni odierne: il level design fa di tutto per non avere la frustrazione del giocatore sulla coscienza introducendo individualmente ogni suo elemento in situazioni elementari per permettere al giocatore di comprenderne a fondo il funzionamento.

Di tanto in tanto, il gioco propone persino delle fasi sparacchine su binari non particolarmente degne di nota, ma che perlomeno hanno il merito di riuscire a rompere l'eventuale monotonia derivante dal normale platforming.


Il gioco riesce ad offrire grande varietà non solo nel level design, ma anche nelle meccaniche.

Purtroppo, questo è uno di quei giochi scaricabili che riesce a promettere solo una manciata di ore di intrattenimento (io l'ho completato in meno di due ore e mezza), specie perché è caratterizzato da una difficoltà posta su livelli medio-bassi, seppure sia in grado di essere genuinamente impegnativo. Ad aggravare la situazione è la mancanza di un post-game o di un qualsiasi elemento che ne incoraggi la rigiocabilità (nonostante ci siano personaggi alternativi con cui sperimentare). Il consiglio è quello di giocarlo con molta pacatezza nei ritagli di tempo, come se fosse uno scaccia-pensieri per Android o iOS.

Per quanto riguarda il comparto audiovisivo, se la grafica poligonale in toon-shading in stile rotoscopio e piena di personalità riesce sempre a stupire (nonostante la scelta delle palette cromatiche non sia sempre azzeccata), le musiche e il sound design lasciano di stucco per la loro blandezza: quasi non c'è differenza nel giocare con l'audio disattivato.

Commento finale


Gunman Clive 2 è un semplice e breve platform-shooter pulito e senza fronzoli contraddistinto da meccaniche particolarmente adrenaliniche. È reso un gioiello dal suo brillante level design ed è adatto per partite mordi e fuggi. Un must per ogni appassionato del genere in possesso di un Nintendo 3DS.
Postato da Gianmark (28/01/2015, 20:55) » Commenta (7)



Esplorando i dati di Super Smash Bros. for Wii U sono saltate fuori alcune notizie molto interessanti:

  • Sono stati trovati questi dati:
    C:\SSB4\ui\replace\chr\chr_11 chr_11_Virus_01.nut
    C:\SSB4\ui\replace\chr\chr_12 chr_12_Virus_01.nut
    C:\SSB4\ui\replace\chr\stock_90 stock_90_Virus_01.nut

    I file trovati si riferiscono alle icone dei personaggi, probabilmente i Virus di Dr. Mario avrebbero dovuto avere una funzione simile a quella di Ridley o dei Flying Men. Che fosse in programma uno scenario dedicato a Dr. Mario?

  • Nel file ui_mark_db sono stati trovati dei riferimenti ad un personaggio chiamato "rhythm" nella selezione personaggi.

  • Come se non bastasse, nella selezione degli scenario sono stati trovati i nomi di questi emblemi:
    smashbros donkeykong starfox kirby fzero metroid mother pokemon zelda mario yoshi
    fireemblem gamewatch
    pikmin wario palutena famicomrobot sonic plankton touch doubutsu
    wiifit xenoblade punchout duckhunt rhythm rockman
    nintendogs miiplaza pacman tomodachi wreckingcrew
    wuhuisland miiverse lightplane braintraining balloonfight diary etc

    Molto probabilmente "plankton" si riferisce allo scenario di Electroplankton presente in Brawl, "rhythm" ad uno scenario dedicato a Rhythm Heaven e "diary" ad uno scenario dedicato a PostBox, ma che come ben sappiamo è stato chiuso a causa uno scandalo avvenuto in Giappone. E poi beh, non credo ci sia da spiegare a cosa possa riferirsi lo scenario di Brain Training


Si sta ancora investigando a riguardo, quindi è probabile che saltino fuori novità nelle prossime ore.

Fonte: https://sourcegaming.wordpress.com/2015 ... scoveries/
Postato da FlippoH (27/01/2015, 15:36) » Commenta (5)

Immagine


Noi del Mario's Castle, in collaborazione con Eyecancer Games, siamo lieti di annunciare il nostro primo contest! In palio ci sono ben 4 codici download promozionali per Hazumi, puzzle game per Nintendo 3DS.

Per partecipare dovete semplicemente commentare questo post spiegandoci con un motivo divertente, originale o creativo perché meritate il codice! Potete partecipare all'evento anche sulla nostra pagina di Facebook. Avete tempo fino alle 10:00 di giovedì 29 gennaio, a contest finito sceglieremo i commenti più divertenti, quindi fate tutti del vostro meglio!
Postato da FlippoH (26/01/2015, 22:39) » Commenta (14)

Inauguriamo questa nuova rubrica del Mario's Castle, dove lo staff consiglierà di volta in volta alcune delle nuove uscite sul Nintendo eShop. Ci auguriamo sia di vostro gradimento!

Immagine

Sviluppato da: EyeCancer Games
Data di uscita: 22 gennaio 2015
Piattaforma: Nintendo 3DS (eShop)
Website: hazumi.info
Prezzo: 3,99 €
Negli ultimi anni il Nintendo eShop ha cominciato a ricevere un grande supporto dalla comunità indipendente, permettendo anche a piccoli team di mettersi in gioco. È questo il caso di software house come la polacca EyeCancer con il suo Hazumi, per la console portatile di casa Nintendo.
Ma prima di tutto... cos'è Hazumi? Il gioco potrebbe farvi ricordare molto titoli come Arkanoid o Breakout, ma oltre le apparenze hanno poco in comune.
Hazumi si pone come un puzzle game molto semplice da giocare, ma difficile da padroneggiare. La pallina rimbalza costantemente in verticale, lo scopo del giocatore è di spostarla sull'asse orizzontale (per mezzo del D-Pad o del Circle Pad) per colpire i blocchi del suo stesso colore.

I primi livelli del gioco cominciano fin da subito a far abituare il giocatore, pur non rinunciando ad un certo tasso di difficoltà, ma è solo dopo una decina di livelli che cominceremo a vedere tutto quello che il gioco ha da offrirci. Il gioco presenta dei respawn istantanei, rendendo meno frustrante ogni tentativo sbagliato.

Se all'inizio disponiamo di un solo tipo di colore, dopo qualche livello cominceremo ad avere due colori diversi da gestire, fino ad un massimo di sei. Come se ciò non fosse abbastanza, ci ritroveremo poi in livelli aventi trappole come lame rotanti (che sembrano uscite da un Super Meat Boy), propulsori (che spingeranno per mezzo del vento la pallina in una determinata direzione), fauci meccaniche o esplosivi che usati accidentalmente ci porteranno alla distruzione della pallina. Il gioco pone anche abbastanza enfasi sul tempo a disposizione, più tempo si perde nel distruggere i blocchi peggiò sarà per voi, visto alla fine di ogni livello si otterà un punteggio (fino ad un massimo di tre stelle) che ci permetterà di sbloccare nuovi livelli. Non preoccupatevi comunque, distruggere i blocchi permette di recuperare qualche secondo in più, utile per ottenere le ambite tre stelle. Bisognerà sempre prestare attenzione alle proprie azioni. Insomma, mica roba da poco!

Graficamente parlando, Hazumi è una piccola delizia visiva per via della sua semplice pixel art, anche l'effetto 3D è abbastanza gradevole, seppur non porti nessuna novità nel gameplay. Le musiche riescono nel loro lavoro, sono rilassanti e orecchiabili senza mai risultare fastidiose. Bisogna dire però, che sarebbe stato carino avere qualche altra musica di sottofondo oltre alle due già presenti.

Hazumi presenta anche una caratteristica molto gradita: un editor di livelli!
È possibile utilizzare tutti gli oggetti presenti nel gioco principale per realizzare i propri livelli personalizzati, ovviamente attenendoci al limite imposto per i colori e la grandezza.
Questi sono due livelli che ho creato basandomi sugli sprite di Super Mario Bros. e Duck Hunt:


Io comunque volevo fare anche il cane di Duck Hunt

L'editor è semplice, ma purtroppo molto limitato: si possono creare solamente 12 livelli per utente, i colori a disposizione sono pochi e, soprattutto, non è possibile condividere i propri livelli. Mi auguro che in futuro possa esserci un aggiornamento a riguardo, perché l'idea di introdurre un editor livelli è davvero interessante, oltre che in accoppiata con Miiverse permetterebbe alla community di realizzare e condividere i propri livelli molto più facilmente.

Commento finale


Per concludere, Hazumi è un gioco adatto a partite mordi e fuggi, con più di 100 livelli da giocare e un editor che permette di sbizzarrirsi creando i propri livelli personalizzati. Non ci vuole molto a sbloccare tutti i livelli, ma altrettanto non si può dire per raggiungere il punteggio perfetto in ogni livello, insomma, ne avrete da giocare! Le uniche note dolenti sono un tasso di difficoltà a volte troppo punitivo e un editor abbastanza acerbo, seppur funzionale. Ma comunque, per quello che il gioco vi offre, nonché il prezzo a cui lo trovate sull'eShop, non fatevelo scappare.
Postato da FlippoH (24/01/2015, 17:32) » Commenta (5)


Pac-Man bacia un fantasma, Joker modella un palloncino per Batman e Spongebob fa bolle di sapone con Plankton. Non ho bevuto (non troppo almeno), è solo uno spot americano di McDonalds con le arcinemesi più famose che fanno la pace nello spirito dello slogan "I'm lovin' it", e a 24 secondi appaiono Mario e Bowser!
Postato da Frozenstorm (20/01/2015, 20:21) » Commenta (4)

© 2014 Mario's Castle