Clicca qui per effettuare il login. Sei nuovo? Crea un nuovo account!
Non hai un account? Clicca qui per iscriverti!
Mushroom Kingdom Nintendo Kingdom Outer Kingdom La Taverna dell'Off-Topic Discussioni sul MC
Immagine


https://twitter.com/klobstrosity/status ... 32/photo/1
Postato da FlippoH (24/04/2015, 18:27) » Commenta (0)

Finalmente è uscito l'attesissimo DLC Animal Crossing x Mario Kart 8, l'avete già scaricato e provato? Mi auguro di sì, perché da oggi a domenica 26 aprile apriremo la chat tutte e tre le serate alle 21.30 per poter giocare online tutti insieme alle nuove piste!
Giocheremo ovviamente in base a chi possiede quali pack, sperando di avere giocatori con tutte le 48 piste disponibili in modo da poter fare partite sempre più varie. asd A stasera!!
E se qualcuno ancora non ha il DLC che se lo procuri perché merita tantissimo.
Postato da Zackee (24/04/2015, 11:07) » Commenta (1)


Non vedete l'ora di mettere le mani sul nuovo DLC pack di Mario Kart 8? Per ingannare l'attesa potreste giocare a Mario Kart: Super Circuit, il primissimo gioco portatile della serie che verrà reso disponibile per l'acquisto in digitale sul Nintendo eShop del Wii U a partire dal 23 aprile 2015, al prezzo di 6,99 €.
Postato da Gianmark (20/04/2015, 19:11) » Commenta (0)



  • Sviluppato da: Ansimuz Games / PlayEveryWare Games

  • Data di uscita: 16 aprile 2015

  • Piattaforma: Nintendo Wii U (eShop)

  • Prezzo: 12,99 €


Poco dopo la morte della moglie Cara, il nostro protagonista, Elliot, viene colpito da un malocchio inflitto dal demone Satar. Se Elliot non troverà una cura diventerà esattamente come colui che gli ha portato via la moglie e stravolto la sua vita, un demone. Con questo incipit inizia la missione di Elliot, che dovrà avventurarsi attraverso quattro templi per ottenere l'aiuto dei Guardiani, gli unici in grado di poter fermare Satar.

Come funziona il gioco


All'inizio del gioco ci ritroveremo in una grande foresta da esplorare, armati solo di un semplice arco per difenderci dai nemici. L'ispirazione a giochi come Zelda II: Link's Adventure è forte. Allo stesso modo i vari dungeon, chiaramente ispirati come risoluzione degli enigmi ai più recenti capitoli della serie. Ma Elliot Quest riesce ad avere comunque un suo stile, e non essere un semplice clone ispirato dalla nostalgia. Non è di certo consigliato affrontare le varie zone del gioco con tanta tranquillità, visto che il gioco sotto questo aspetto non dà quasi nessun indizio. Infatti, grande importanza è data all'esplorazione, ogni singolo angolo della mappa può portare a zone completamente diverse. È presente molto backtracking, anche se solo in pochi casi potrà risultare frustrante per il giocatore.
Converrà quasi sempre riesplorare zone date già per "completate", in modo da trovare nuove strade da intraprendere o altri strumenti, utili alla nostra missione. Esplorando il mondo di gioco potremo anche imbatterci in piccoli gruppi di nemici, un ottimo modo (vista la loro debolezza) per potenziare il nostro protagonista e perché no, guadagnare anche un piccolo gruzzoletto per comprare pozioni o altro.



Piccola menzione va fatta alle boss battle: quasi tutti i boss hanno dei pattern ben precisi come nei più classici giochi di Mega Man, ed è necessario trovare sempre metodi nuovi per sconfiggerli. Per i più temerari sono presenti anche dei boss opzionali, e credetemi, è meglio che vi portiate appresso qualche pozione, visto diventeranno sempre più forti, boss dopo boss.
Sconfiggendo i vari guardiani otterremo una nuova magia, come ad esempio un tornado, utile per stordire i nemici e farsi trascinare dalle folate di vento o una fiamma di fuoco. Esplorando le varie zone che caratterizzano il mondo di gioco troveremo anche pezzi di cuore, utili per aumentare i nostri punti vita, o altri strumenti per farci strada nei templi.

A tal proposito, la difficoltà di gioco all'inizio è ben calibrata, c'è un continuo crescendo fino alla fine, diventando sempre più difficile. Il gioco sotto quest'aspetto vi incita ad allenarvi e ad imparare a conoscere il posto in cui vi trovate. È presente un sistema di level-up con cui potrete potenziare liberamente Elliot in determinati aspetti quali Forza, Agilità, Saggezza, Vita o Colpi Critici, che permetterà di imparare nuove abilità, come ad esempio lanciare le frecce più lontano, recuperare punti vita o punti magia, e ovviamente, fare più danni ai nemici.
Vi consiglio di allenarvi per bene in vista delle zone più toste, ogni "morte" (che poi Elliot non può morire per via della maledizione, ndr.) comporta la perdita di punti esperienza necessari a salire di livello, ma non preoccupatevi comunque, ciò non vuol dire che potrete scendere di livello in seguito a svariati tentativi falliti.

Grafica, sonoro e controlli




La pixel art di Elliot Quest è una piccola delizia per gli occhi, ispirandosi più che altro ai classici 8 e 16bit del genere, riesce ad offrire alcuni panorami molto belli da vedere, e anche i boss, dal primo all'ultimo, sono caratterizzati divinamente. Pur con pochi brani a disposizione, la colonna sonora del gioco presenta musiche molto orecchiabili (in particolare, quella del primo villaggio), difficilmente le troverete fastidiose. Qua potete trovare la pagina bandcamp con la colonna sonora.


Il menu
Tra i controller supportati abbiamo il Wii Remote (Plus), Il Wii Remote + Nunchuck, il Classic Controller (Pro), il Wii U Pro Controller, e ovviamente, il Wii U GamePad. Nel corso della recensione mi sono focalizzato di più ad utilizzare il GamePad, per via della comodità dell'avere la mappa e l'inventario sullo schermo del controller, o per l'Off-TV. Si sarebbe comunque potuto rifare il menu in modo da sfruttare meglio il controller, io ad esempio ho avuto qualche difficoltà ad alternarmi tra una magia e l'altra sul touchscreen, visto quanto sono piccole le icone degli oggetti. Sarebbe stato sicuramente comodo avere delle icone più grandi.

Non è tutto oro quel che luccica...


Ovviamente nulla è perfetto, la difficoltà del gioco risulta un po' troppo elevata verso la fine, anche se non è nulla di impossibile, e nel gioco sono presenti svariati bug (principalmente grafici) che possono portare qualche volta a riavviare il gioco. Per dirvi, dopo il secondo dungeon mi ero ritrovato il protagonista invisibile, e sono stato costretto a riavviare il gioco. Nel momento in cui sto scrivendo questa recensione il team che si è occupato di effettuare il porting su Wii U, PlayEveryWare Games, sta lavorando ad una patch. Infine, altra piccola pecca, ma non meno importante, è la presenza di un solo slot salvataggio. Considerando che il gioco offre ben tre finali alternativi, ottenibili in base alle proprie azioni durante il gioco, è davvero un'occasione mancata.

Conclusione


Personalmente non mi capacito di come si sia parlato così poco di questo gioco. Pur con tutti i suoi difetti l'ho apprezzato dal primo fino all'ultimo momento, non sarà un capolavoro ma rimane comunque un gran bel gioco. Fatelo vostro, molto probabilmente non ve ne pentirete.

Bonus pic:
SPOILER | Mostra
Immagine
...DUH!




Postato da FlippoH (19/04/2015, 19:47) » Commenta (0)

1. Il track design



Uno degli aspetti più importanti in un gioco di corse: le piste su cui correre. Mario Kart 8 sotto questo punto di vista raggiunge picchi altissimi, con una creatività e una varietà mai vista nella serie. Circuiti originali, tantissimi bivi (grazie anche all'antigravità), scorciatoie, tanta cura per i dettagli. Ognuno ha il suo circuito preferito: il lunghissimo Monte di Wario? L'Elettrodromo, più psichedelico che mai? Il Vascello Nuvolante? O semplicemente lo Stadio Mario Kart: quando mai si è vista una pista così spettacolare inaugurare il Trofeo Fungo?

2. La colonna sonora


Semplicemente una colonna sonora spettacolare. L'arrangiamento di Moo Moo Meadows, Dragon Driftway, Cloudtop Cruise, Dolphin Shoal, Electrodrome, la nuova Rainbow Road, Mount Wario, il remix di Mute City, Toad Harbor, Wild Woods (nuovo DLC) e tante altre.

Ricordiamo com'era Mario Kart Wii e non c'è nulla da aggiungere.

3. L'online

Mario Kart DS ha introdotto un online rudimentale, Mario Kart Wii l'ha migliorato, ma Mario Kart 8 ha un comparto online per la prima volta davvero ben fatto. Giocare online non è mai stato così semplice e rapido in un gioco Nintendo, la Mario Kart TV permette di hostare i propri filmati direttamente su YouTube, i gruppi sono fantastici per le community, i codici amico sono un lontano ricordo. Finalmente vediamo Nintendo iniziare a modernizzarsi sotto questo aspetto. Certo, iniziare: si possono fare ancora tanti progressi, ma è scontato che MK8 sia un grande passo avanti per l'online di Mario Kart.

4. L'art style



Sento già i "ma la grafica non conta", ma anche l'occhio vuole la sua parte. Mario Kart 8 non è solo un gioiellino dal punto di vista tecnico: ha un art style delizioso, grazie ad ambientazioni coloratissime ed effetti di luce mozzafiato. Superiore anche a 3D World a mio parere. Se pensiamo che il precedente Mario Kart per home console riciclava i modelli poligonali da Double Dash e proponeva perlopiù ambientazioni del genere, direi che il salto di qualità nel comparto tecnico è evidentissimo.

5. I contenuti aggiuntivi

È sbagliato essere prevenuti nei confronti dei DLC. Dipende dal gioco e dallo sviluppatore. In questo caso Mario Kart 8 ha fatto centro pieno. Il gioco completo è stato pubblicato il 29 maggio, con la solita quantità di contenuti, ma lo sviluppo non si è fermato lì: nel corso dei mesi Nintendo ha continuato a rinfrescare il gioco con miglioramenti e nuove piste, ben 16 che si aggiungono alle tradizionali 32. La cosa fondamentale è che chi sceglie di non comprare i DLC non subisce alcuno svantaggio nel gameplay: i personaggi aggiuntivi hanno le stesse statistiche di altri già presenti. Se non vuoi piste nuove puoi giocare lo stesso coi tuoi amici in quelle standard. È per definizione del contenuto aggiuntivo che non intacca chi non può permetterselo.

Difetti?

Mario Kart 8 non è perfetto. Ad esempio, la distribuzione degli oggetti non è molto bilanciata (se non sei in cima alla gara preparati a passare dei guai molto grossi), la modalità battaglia riposa in pace, e mancano le tanto amate missioni di Mario Kart DS. La mia opinione è che nonostante questi difetti Mario Kart 8 sia a mani basse il miglior esponente della serie, e se Nintendo ascolterà i feedback dei fan per migliorare certi settori nel nono capitolo probabilmente saremo di fronte al Mario Kart definitivo. E voi che ne pensate?
Postato da Frozenstorm (15/04/2015, 19:42) » Commenta (23)

© 2014 Mario's Castle