#PerchéXenoblade – Motivo #2: Il mondo di gioco e l'esplorazione

Commenta
Condividi su Facebook 2
Condividi su Twitter
Condividi su Telegram

Un paio di giorni fa abbiamo promesso di raccontarvi sette buoni motivi per giocare a Xenoblade Chronicles: Definitive Edition. Questa rubrica, che abbiamo programmato insieme ai ragazzi di Xenoblade Universe "R-Alpha", LuxPKK, NintendOn, Nintendoomed, Nintendo Player e Nintendo Protagonist, è dedicata agli appassionati ma anche e soprattutto a chi non è familiare con la serie di Xenoblade. Vi accompagnerà durante tutto il mese di maggio, e alla fine ci sarà anche una sorpresa, quindi rimanete sintonizzati! Oggi è il momento di scoprire il secondo motivo: il mondo di gioco e l'esplorazione, a cura di NintendOn.

Agli albori del tempo, millenni prima che l’avventura di Shulk inizi, prima della comparsa dei primi Homs, il mondo non era altro se non un’enorme ed interminabile distesa di acqua.

Nelle sconfinate acque del mare comparvero due titani, esseri mitologici di dimensioni inimmaginabili e in costante guerra tra loro. La lotta tra Bionis e Mechanis, questo il nome dei due titani, andò avanti per millenni fino a quando, per una ragione sconosciuta, i due titani si colpirono a morte, segnando così la fine della loro interminabile lotta.

I secoli passarono, ed i corpi inanimati dei due titani si trasformarono nella terra natia di diverse specie di esseri viventi. Su di essi si formarono non solo nuove forme di vita, ma presero il loro posto anche luoghi suggestivi come il Mare di Eryth e la Caverna Tephra, la sterminata e splendida Foresta Makna e la storica e suggestiva Valle della Spada.

Insomma, dagli stessi titani che molto tempo prima non conoscevano nient’altro se non morte e distruzione nacque la vita. Ed è proprio sopra di essi che vivremo la nostra avventura nei panni di Shulk, il protagonista di Xenoblade Chronicles Definitive Edition nonché l’eletto a brandire la Monade, l’unica arma in grado di contrastare appieno l’assalto dei Mechan, i nemici giurati di Homs e Nopon.

Differentemente dai classici titoli che compongono la costola più robusta del panorama JRPG, Xenoblade Chronicles mette in campo paesaggi mozzafiato ed enormi, da esplorare e da scoprire man mano che ci inoltreremo sempre più a fondo nella storia. Ogni mappa del gioco rappresenta a tutti gli effetti ambientazioni totalmente diverse tra loro, poste in punti differenti del titano di appartenenza che avremo modo di raggiungere sconfiggendo i nemici più disparati.

Leggi il proseguimento su NintendOn.

Parla con la community italiana di Mario

Entra nella chat Discord

Chi è l'autore?

Avatar di Stormkyleis Biografia: Cresciuto a pane e Mario, gestisco il Mario's Castle dal 2006. Mi occupo del layout del sito, mi piace scrivere analisi (solitamente sempre sullo stesso argomento) e cerco di scrivere notizie con più cura possibile. Fuori da qui sono anche appassionato di calcio, tennis e MotoGP. Tiro avanti bevendo Ghignuccini e Sorrispressi.
Giochi preferiti: Super Mario 64, Mario & Luigi: Superstar Saga, Banjo-Kazooie, Castlevania: Symphony of the Night, The Legend of Zelda: The Wind Waker, The Legend of Zelda: Breath of the Wild, Pokémon Versione Argento SoulSilver, Metroid Prime, Mother 3, Phoenix Wright: Ace Attorney - Trials and Tribulations.
Contatti: Email Twitter
Speciale

Lascia un commento